logo san paolo
sabato 22 luglio 2017
 
Fede o fuga?
 

Il terrorista nero e il culto della Madonna

21/06/2017  Arrestato a Fatima Maurizio Tramonte, l'ex camerata condannato all'ergastolo per la strage di piazza della Loggia, a Brescia. Devoto della Madonna, a Pasqua era già stato a Lourdes. I carabinieri del Ros hanno allertato i colleghi portoghesi che lo hanno catturato nei pressi del celebre Santuario, meta di pellegrinaggi da tutto il mondo

«Il culto mariano ce l’aveva in testa. Il fatto che fosse andato a Fatina non è stato casuale. Forse voleva  chiedere alla Madonna la grazia per questa sentenza. Ma, o ha sbagliato lui o ha sbagliato la Madonna. Fatto sta che la grazia non l’ha avuta». Scherzano i carabinieri commentando a caldo l’arresto a Fatima di Maurizio Tramonte, La “fonte Tritone”, condannato all’ergastolo per la strage di piazza della Loggia, a Brescia, era già stato in pellegrinaggio a Lourdes a Pasqua.

 

Della fede vera o presunta dell’ex camerata coinvolto nella strage che, nel 1974, ha causato 8 morti e 102 feriti, ai carabinieri, in realtà, interessa poco. Quello che ha insospettito gli uomini del generale Giuseppe Governale è stato, invece, il suo comportamento. Lasciata l’Italia già domenica, dopo aver attraversato in auto la Francia e la Spagna,  Tramonte aveva spento i telefoni e cambiato auto facendo presupporre che si sarebbe dato alla latitanza.

 

E, dalla mattina del 21, con la sentenza della Cassazione andata in esecuzione, Tramonte era diventato già un latitante. I carabinieri del ros si sono mossi subito allertando i colleghi portoghesi che hanno proceduto all’arresto mentre Tramonte girovagava ancora tra il santuario e le chiese vicine. Nei prossimi giorni sarà sottoposto a un’udienza da parte di un giudice portoghese che verificherà la regolarità dell’arresto e poi ritornerà in Italia per scontare la pena.  

I vostri commenti
25
scrivi

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo