logo san paolo
domenica 21 ottobre 2018
 
Chiesa
 

Preti pedofili? Da tempo la linea è "tolleranza zero"

21/05/2015  Un sacerdote, accusato di abusi su minori, è stato arrestato a Brindisi. Ma la Chiesa, già con Benedetto XVI, ha avviato con fermezza un lavoro di pulizia al suo interno, rafforzato ora da papa Francesco. Quante altre istituzioni, governi, nazioni possono dire lo stesso?

La notizia purtroppo è recente: un sacerdote settantatreenne di  Brindisi,  accusato di presunti abusi su minori,  è stato posto agli arresti domiciliari dai carabinieri per ordine dall’autorità giudiziaria locale. Pedofilia: una delle peggiori accuse che possano cadere sul capo di un consacrato che ha il ruolo delicato di educatore e a cui si affidano con fiducia i fedeli. “Una piaga da sradicare”, per usare un’espressione di papa Francesco che  anche di recente, in una lettera inviata ai presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo, datata febbraio  di quest’anno ha ribadito: ”Non c’è assolutamente posto nel ministero per  coloro che abusano dei minori”.  Non ci dovrebbe essere dubbio.

don Fortunato Di Noto
don Fortunato Di Noto

Quindi giusto  denunciare con forza il fenomeno, giusto non passare sotto silenzio le storie di violenza ogniqualvolta vengono a galla. Giusto non abbassare la guardia “mediaticamente” parlando, in nome della tutela dei minori. Ma quante istituzioni,  governi,  poteri politici, possono affermare  di  aver reagito con la  fermezza che ha contraddistinto gli ultimi due papati di fronte  al fenomeno pedofilo dentro la Chiesa?   

  
Sulla questione ebbe a dire  con chiarezza don Fortunato di Noto, prete siciliano fondatore di Meter, una vita trascorsa contro gli abusi sui minori e la pedofilia: “Certamente, il passato non si deve dimenticare e neanche gli errori commessi e le omertà, ma è una pagina chiusa. E’ accaduto che diocesi e vescovi abbiano agito coprendo sacerdoti che si erano macchiati di abusi. Ma è altrettanto vero che da almeno una decina d’anni, grazie all’intervento dei due ultimi pontefici, s’è voltato pagina. Oggi un consacrato che viene riconosciuto responsabile di atti di pedofilia viene ridotto allo stato laicale. Punto e basta”.

il cardinale Sean O'Malley
il cardinale Sean O'Malley

Dobbiamo  infatti ricordare che la linea  di “tolleranza zero” contro la pedofilia è iniziata con Benedetto XVI, che tra il 2011 e il 2012  ridusse allo stato laicale circa 400 sacerdoti al termine dei processi canonici per pedofilia. Un lavoro di pulizia e di rinnovamento che papa Francesco, già severo con i casi d’abuso nella sua diocesi da cardinale,  ha  continuato con forza. E’ sua, infatti, l’istituzione della Commissione per la tutela dei fanciulli, nella quale  ha inserito anche una donna irlandese, Marie Collins,  abusata quand’era bambina  da un prete.  E sono state reiterate le sue raccomandazioni alla  vigilanza e all’impegno per la prevenzione di tali crimini.

    Ancora il 31 gennaio scorso, incontrando i membri della Congregazione per la dottrina della fede, li aveva ammoniti a rafforzare l’impegno “nel trattare le problematiche delicate circa i cosiddetti delitti più gravi, in particolare i casi di abuso sessuale di minori da parte di chierici”.  Nel settembre del 2014, nel frattempo, il Vaticano ha applicato il nuovo codice penale che prevede il reato di pedofilia e lo ha fatto con il massimo rigore. L’arresto dell’ex nunzio a Santo Domingo, monsignor Jozef Wesolowski, polacco, 66 anni, è stato sollecitato espressamente dal Papa.  Il nunzio era stato già stato condannato a giugno dopo un processo canonico, con la conseguente pena della “dismissione dello stato clericale”.

     L’ultimo dimostrazione concreta di questo impegno di contrasto alla pedofilia  è stata l’avvio a Roma del primo Master post-laurea, inaugurato il 16 gennaio scorso dal cardinale Sean O’Malley, arcivescovo di Boston,  e che fornirà un diploma accademico in “Tutela dei minori e delle persone vulnerabili”. Si tratta della più importante attività del Centre for child protection, istituito tre anni fa con sede nella diocesi tedesca di Monaco di Baviera e che adesso si è trasferito a Roma presso la Pontificia università Gregoriana, retta dei Gesuiti, la più prestigiosa delle università pontificie.

    “Noi stiamo identificando i preti pedofili, li si sta perseguendo, si stanno prendendo decisioni. Io aspetto il giorno che altre categorie, che altre realtà comunitarie prendano sul serio il dramma della pedofilia”, così ha affermato di recente monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei .   “Tutti quanti  sono felicissimi e anch'io sono felicissimo quando beccano un prete o un vescovo che ha commesso questo tipo di crimine. Perché così possiamo subito metterli fuori. Stiamo facendo pulizia. Ma, per tutta l'altra percentuale di pedofilia che è in giro, che cosa si sta facendo?».  E riferendosi al fenomeno della pedofilia legato al turismo sessuale  aggiungeva: “Le organizzazioni delle agenzie di viaggio, per esempio, cosa fanno per combattere questo crimine? E anche altri tipi di categorie, avete visto per esempio tra i professori, avvocati, ingegneri, che percentuale c'è di pedofilia dichiarata? Non se ne parla proprio”.

I vostri commenti
43
scrivi

Stai visualizzando  dei 43 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo