logo san paolo
sabato 15 dicembre 2018
 
preti e pedofilia
 

«Tolleranza zero, ma non vanno abbandonati»: la Chiesa oltre lo scandalo

05/04/2018  «L’omertà va condannata e le vittime aiutate: chi sbaglia lasci il sacerdozio. A tutti, però, bisogna assicurare una chance di riscatto», dice fratel MichaelDavide Semeraro, un monaco benedettino che nella comunità in cui vive, in Valle d'Aosta, accoglie (anche) alcuni sacerdoti colpevoli di abusi sessuali, dimessi dallo stato clericale. Il religioso ha scritto un libro destinato a far discutere. S'intitola Preti senza battesimo?, è pubblicato dalla San Paolo Edizioni, arriva nelle librerie giovedì 12 aprile.

Preti e pedofilia: la Chiesa fa bene a denunciare, ma deve saper andare oltre lo scandalo. La tolleranza zero è necessaria, ma non sufficiente: ci vuole carità. Parla un monaco benedettino di cuore e di esperienza. Fratel MichaelDavide Semeraro- che nella comunità in cui vive, quella della Visitazione, a Rhêmes-Notre-Dame, in Valle d'Aosta, accoglie (anche) alcuni sacerdoti colpevoli di abusi sessuali, dimessi dallo stato clericale - ha scritto un libro destinato a far discutere. S'intitola Preti senza battesimo?, è pubblicato dalla San Paolo Edizioni, arriva nelle librerie giovedì 12 aprile.

«Dietro la pedofilia c’è una persona verso la quale bisogna usare tutta la carità possibile, aiutandola, e alle volte obbligandola, a lasciare il ministero e proseguire il suo cammino nella Chiesa», dichiara nell'intervista rilasciata a Famiglia Cristiana e a cui il settimanale dedica ampio spazio nel numero 14 in edicola da giovedì 5 aprile. «Se un prete non riesce a trovare un equilibrio psicoaffettivo, deve lasciare il sacerdozio, ma bisogna dargli una possibilità di salvezza e redenzione come battezzato». Finora non è stato fatto così? «In parte», risponde fratel MichaelDavide. «Per fare questo però ci vuole una distinzione maggiore tra persona e ministero. Un’enfatizzazione eccessiva sul sacerdozio rischia di creare un paradosso terribile, ossia una volta che uno non è più prete, non è più nulla. Invece resta un battezzato come tutti gli altri».

Nel corso dell'intervista, il monaco allarga l'orizzonte della sua analisi. Il celibato dei preti va messo in discussione? «Lo è già nella Chiesa latina. C’è un disagio da parte dei presbiteri e un altro da parte dei fedeli a vedere la difficoltà dei loro pastori, che  richiede un intervento. Bisogna domandarsi come i preti possano vivere in modo armonioso il loro servizio alla Chiesa coniugandolo con la propria vita sessuale e affettiva». Fratel Michael Davide Semeraro ritiene "superata" l'attuale modalità organizzativa e formativa dei seminari che a suo avviso andrebbe ripensata come "noviziato pastorale" tra la gente. Renderebbe, inoltre, facoltativo il celibato: «Dovrebbe essere una scelta nella scelta, il celibato e la verginità sono carismi, che vanno oltre il ministero. Il quale è sentire una vocazione a mettersi a disposizione per servire nella Chiesa, poi è la comunità a decidere che tipo di servizio chiedere a chi si rende disponibile a servire».

I vostri commenti
31
scrivi

Stai visualizzando  dei 31 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo