logo san paolo
giovedì 21 marzo 2019
 
Un fisco equo
 

Rivoluzione in Lombardia, arriva il Fattore Famiglia per un fisco più equo

15/03/2017  Ecco come si concretizzerà l'equità fiscale lombarda grazie all'approvazione di un sistema contributivo che dopo tanti anni rende finalmente giustizia alle famiglie. La regione Lombardia segna così un bel punto nella costruzione di politiche “family friendly”.

La recente approvazione del “Fattore Famiglia” da parte del Consiglio Regionale Lombardo è oggettivamente una buona notizia. Una Regione importante, dopo un lungo periodo di dibattito interno alla politica, e dopo una seria opera di ascolto e dialogo con le forze sociali, introduce uno strumento che consentirà di migliorare l’equità familiare dei propri interventi, individuando e premiando con migliore precisione e giustizia le famiglie con maggiori carichi familiari. Ed è significativo che la notizia sia stata commentata con favore non solo dal Forum delle associazioni familiari lombardo, che lo definisce un vero e proprio “salto culturale nel sistema di valutazione della capacità contributiva dei cittadini”, ma anche dal Forum nazionale, che invita anche le altre regioni a dotarsi di “uno strumento fiscale che, di fatto, dopo tanti anni di tassazioni inique rende giustizia alle famiglie”.

Oltre al pregio di migliorare la sensibilità (peraltro abbastanza scarsa) dell’ISEE rispetto ai carichi familiari, l’approvazione del Fattore Famiglia Lombardo è segnale forte perché per una volta porta la famiglia tra i primi punti dell’agenda di una pubblica amministrazione, in modo concreto e non ideologico. Con il Fattore Famiglia chi ha maggiori carichi familiari pagherà di meno e riceverà maggiori sostegni: questo, in sostanza, il senso di questa riforma.

Un altro motivo di merito è sicuramente la presenza di un finanziamento annuale, di un milione e mezzo di euro, garantito per un triennio. La cifra in sé non è gigantesca, rispetto ai 10 milioni di residenti in Lombardia, ma almeno conferma che risorse vere, concrete, sono stanziate per avviare la misura, e che se ne prevede la continuità. Del resto è stato proprio questo uno dei punti su cui il disegno di legge originario è stato migliorato, grazie al dialogo e all’ascolto nel mondo politico e con la società civile.

Nel dibattito politico ci sono stati ovviamente giudizi diversi, anche in funzione dei ruoli rivestiti nel gioco politico: ad esempio il Movimento Cinque Stelle ha votato contro, il PD si è astenuto, mentre la maggioranza di centro-destra ovviamente rivendica l’importanza e la bontà del progetto. Per una volta però sarebbe bello uscire da un dibattito pregiudiziale, e verificare con una seria operazione di “fact checking” il merito dei provvedimenti, nella loro concreta attuazione. In altre parole, oggi si può - e si deve - dare atto all’amministrazione regionale lombarda di aver segnato un bel punto nella costruzione di politiche “family friendly”. Ma questo vuole dire, soprattutto, che la validità della misura dovrà essere verificata alla prova dei fatti, cioè con serie analisi – da parte di soggetti indipendenti – su come verrà concretamente attuato il Fattore Famiglia Lombardo. La legge prevede in effetti alcuni espliciti strumenti di monitoraggio e valutazione condivisa – e anche questo è un dato positivo –, ma occorrerà verificare quanto conterà la voce dei cittadini, delle famiglie, delle loro associazioni.

 

Il Fattore Famiglia era stato lanciato dal Forum delle associazioni familiari proprio a Milano, in occasione della Conferenza Nazionale sulla Famiglia del 2010; ed in fondo è un segnale importante che proprio dalla regione che ha in Milano il proprio centro di riferimento riparta la sperimentazione di uno strumento che è stato fin troppo dimenticato dalla politica nazionale. 

I vostri commenti
7
scrivi

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo