logo san paolo
martedì 27 giugno 2017
 
dopo Rouen
 

Gli imam francesi ai musulmani: «Domenica andate a Messa per padre Jacques»

29/07/2016  L'appello del Consiglio francese del culto musulmano a recarsi in chiesa dopo il barbaro assassinio di Rouen è importante per vari motivi: perché l’organismo rappresenta in maniera ufficiale le 2.500 moschee del Paese, invita a un gesto concreto e corale e non si ferma a generiche dichiarazioni di condanna e non è la voce di solidarietà di qualche imam isolato. Ora tocca ai fedeli islamici rispondere all’iniziativa

Un segnale incoraggiante, senza precedenti e più che mai necessario in questo momento drammatico dove soffiano sinistri i fuochi di chi evoca una guerra di religione. Il Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm) ha invitato i responsabili delle moschee, gli imam e i fedeli musulmani di Francia a recarsi «domenica mattina», 31 luglio, a Messa, magari nella chiesa più vicina a casa loro, per esprimere «solidarietà e cordoglio» dopo il «vile assassinio» di padre Jacques Hamel, sgozzato martedì scorso mentre celebrava l’eucarestia nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, in Normandia, durante un sequestro di persona perpetrato da due estremisti islamici nella sua parrocchia e rivendicato da Daesh.

L’appello arriva in una nota diffusa dallo stesso Cfcm. Per l'organismo si tratta di un modo per esprimere «nuovamente» l'appoggio della comunità dei «musulmani di Francia» ai «nostri fratelli cristiani». Significativa anche la richiesta alle moschee di Francia di «cogliere l’occasione della preghiera del venerdì per ribadire il ruolo preponderante che occupa nella religione musulmana il rispetto delle altre fedi, così come degli uomini che le rappresentano».

Già martedì il Consiglio aveva definito l’attentato «un atto orribile e terrificante». Per l'organismo che ambisce a rappresentare tutti i musulmani della Rèpublique si tratta di un modo per esprimere «nuovamente» l'appoggio della «nostra comunità» ai cristiani. A Saint-Etienne,  come ha riferito la diocesi di Rouen, la chiesa di Santo Stefano teatro del barbaro assassinio verrà riaperta tra qualche settimana con un rito di penitenza e riparazione per «restituire al culto la chiesa profanata».

Ecco perché è un'iniziativa senza precedenti

L’appello ufficiale del Consiglio francese del culto musulmano agli imam e ai cinque milioni di islamici che vivono in Francia è importante per due motivi. Anzitutto perché il Consiglio rappresenta in maniera ufficiale le 2.500 moschee del Paese e quindi non è solo la presa di posizione isolata di un imam o di qualche autorità religiosa islamica. Secondo perché non è una dichiarazione generica di solidarietà dopo l’orrore di Rouen ma è l’invito a compiere un atto concreto e che sia anche il più possibile corale attraverso la presenza fisica nelle chiese cattoliche.
Ora tocca ai musulmani reagire, accogliere l’appello, farsi prossimi ai fedeli cattolici scossi dal barbaro assassinio di un sacerdote inerme che ha speso la sua vita per il dialogo e la riconciliazione.

«Bisognerà vedere», ha scritto Avvenire in un editoriale in cui plaude all’iniziativa, «se i musulmani di Francia raccoglieranno l’appello: se condividono la nostra volontà di pace o se già, sentendosi sommariamente accostati agli estremisti, non hanno maturato una posizione ostile o timorosa. Bisognerà vedere, e bisogna pregare per questa domenica francese. Quale respiro buono verrebbe a tutti noi, se davvero accadesse, da una domenica francese di solidarietà e di pace».  

Multimedia
Musulmani in chiesa: no alla violenza, da Nord a Sud le foto di una giornata storica
Correlati
«Padre Jacques è martire come Popiełuszko, ma non c'è altra via che il dialogo»
Correlati
Musulmani in chiesa: no alla violenza, da Nord a Sud le foto di una giornata storica
Correlati
I vostri commenti
11
scrivi

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo