logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 
 

Chi prende la terra ai poveri

05/06/2015  In una mostra fotografica di Alfredo Bini, la speculazione sulle terre fertili che impoverisce i Paesi già più poveri.

Una delle foto di Alfredo Bini esposte allo Spazio Aperto San Fedele.
Una delle foto di Alfredo Bini esposte allo Spazio Aperto San Fedele.

Dopo il Visa pour l’Image di Perpignan, il Brooklyn Photoville Festival e  China Pingyao International Photography Festival, il lavoro di Alfredo Bini  Land Grabbing or Land to Investors? viene ora presentato a Milano, presso il San Fedele, proprio nel periodo dell’Expo.

Il  termine land grabbing (“terra carpita, accaparrata”) è stato introdotto nel 2008 dall’organizzazione non governativa GRAIN (Genetic Resorces Action International) e si riferisce agli accordi aventi a oggetto l’acquisto di milioni di ettari di terreno nei paesi poveri da parte di multinazionali dell’agribusiness, di potenti gruppi finanziari o di agenzie governative straniere, principalmente appartenenti a paesi quali l’Arabia Saudita, la Cina, la Corea del Sud, il Qatar, gli Emirati Arabi.  Dopo la crisi economica del 2008, l’acquisto della terra si è infatti rivelato una possibilità di investimento sempre più redditizio e sicuro, a causa di molteplici fattori economico finanziari.  Tale operazione – che in Africa  vede coinvolti paesi come il Madagascar, il Ghana, il Mozambico, il Sudan e l’ Etiopia – non mira certo a “nutrire il pianeta” (come vuole il titolo dell’Expo di Milano) bensì ad arricchire le multinazionali che investono e ad avvantaggiare i paesi ricchi. Il land grabbing si presenta insomma come un’ultima versione del neocolonialismo,  che priva della loro terra i pastori e i piccoli coltivatori locali, oltre a comportare l’abbattimento di foreste e il sequestro delle zone di pascolo, l’erosione del suolo, l’accaparramento dell’acqua e la perdita della biodiversità.

Una delle foto di Alfredo Bini esposte allo Spazio Aperto San Fedele.
Una delle foto di Alfredo Bini esposte allo Spazio Aperto San Fedele.

Ebbene, la ricerca di Alfredo Bini – che si è concentrata, a titolo d’esempio, sull’Etiopia, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi – ha voluto documentare tale complessa e problematica realtà attraverso un’indagine approfondita, in cui la fotografia, accompagnata da ampi testi esplicativi,  si nutre di uno sguardo lucido, proteso a comprendere le cause e  lo sviluppo di questo fenomeno.

Le sue immagini, simili a precisi tasselli, mostrano infatti la distruzione in Etiopia delle foreste e dei pascoli, per fare posto a serre e a campi destinati alle palme da olio e alla canna da zucchero, per poi spingersi fino a Dubai e in Arabia Saudita, dove vengono esportati i vegetali  prodotti in Etiopia nelle terre divenute proprietà Saudita. Tutto questo in un paese come l’Etiopia dove 6 milioni di abitanti possono sopravvivere alla fame solo grazie agli interventi delle Nazioni Unite.

Una delle foto di Alfredo Bini esposte allo Spazio Aperto San Fedele.
Una delle foto di Alfredo Bini esposte allo Spazio Aperto San Fedele.

Di fronte a catastrofi e tragedie umanitarie (siccità, guerre, carestie) la fotografia può anche  “parlare da sola”, limitandosi a mostrare, in tutto il loro orrore, i risultati drammatici di una crisi in corso, tanto da  suscitare immediati sentimenti di compassione e dolore, senza bisogno di ulteriori, argomentati commenti. In un caso invece come quello del land grabbing, la sfida a cui un fotografo si trova di fronte diventa più sottile e più difficile.

Qui  infatti non ci sono eclatanti eventi tragici da raccontare: il land grabbing è un processo strisciante e pervasivo, dove i danni alle persone e alla terra possono anche mostrarsi con il volto tranquillizzante di una bella serra di fragole  perfettamente irrigata da solerti lavoratori. Ben consapevole di queste difficoltà, Alfredo Bini si è dimostrato all’altezza della sfida. Ha deciso infatti di accompagnare le sue immagini – solo apparentemente “tranquille” – con una serie di precise informazioni che ci permettono di cogliere tutta la gravità del fenomeno in corso. Ed ecco allora che quelle stesse immagini vengono ad acquisire una drammaticità, un’intensità che a prima vista non avremmo attribuito loro.

Leggendo e insieme guardando, ci rendiamo conto infatti che dietro situazioni agresti fintamente “idilliache” si cela invece l’esproprio della terra nei confronti di comunità indifese, in quanto prive dei necessari documenti scritti per attestare il possesso della terra (per molte popolazioni era infatti il diritto consuetudinario a fare legge);  si apre la strada a un utilizzo privato dell’acqua che penalizza pesantemente le popolazioni locali; si disgrega l’agricoltura tradizionale, basata sulla diversificazione, per favorire una monocultura pensata solo per l’esportazione. Ecco dunque che cos’è il land grabbing – ci dice Alfredo Bini: una devastante politica alimentare basata sull’accaparramento la terra altrui. 

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo