Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
L'incontro
 

Artime, Rettor maggiore dei Salesiani: "In Ucraina realtà durissima, ma è lì che dobbiamo essere e testimoniare"

17/12/2022  Il Rettor Maggiore dei Salesiani racconta il carisma, dai confratelli vicini alla linea del fuoco a quelli tra i lebbrosi della Cina continentale senza evitare temi scomodi come quello degli abusi

«In quasi nove anni, gran parte dei quali trascorsi in giro per il mondo, a visitare le missioni, ho potuto toccare con mano il bene grandissimo che i nostri confratelli fanno, insieme con tutta la Chiesa e con tante persone di buona volontà. Lo dico senza trionfalismi: credo che oggi siamo una congregazione serena, che può guardare al futuro con speranza». È don Àngel Fernández Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani, a raccontare, in poche linee ma molto nette, il presente della famiglia religiosa che raccoglie e prosegue l’eredità di don Bosco. L’occasione è un incontro con un gruppo di giornalisti, di testate italiane ed estere (in prevalenza vaticanisti ed esperti di Chiesa), giunti in Piemonte, da Roma, per visitare i luoghi del carisma salesiano: in primis la “cittadella” di Valdocco (là dove il sogno di don Bosco è iniziato, con i primi ragazzi), ma anche la casa natale del Santo e i luoghi della sua infanzia, a Castelnuovo (Asti). L’incontro col Rettor Maggiore fa parte di questo viaggio ed è un’occasione per un confronto a tutto campo, su temi decisivi per la famiglia salesiana e per l’intera Chiesa.

Don Artime (decimo successore di don Bosco, eletto Rettor Maggiore per la prima volta nel 2014 e poi riconfermato, nel Capitolo Generale del 2020, per altri sei anni) parla di «una congregazione serena», anche alla luce di alcuni dati. Attualmente sono 14.000 i Salesiani di don Bosco, presenti in 134 Paesi del mondo. Sono tra i 440 e i 460 i novizi che ogni anno, con la pronuncia della prima Professione, si uniscono alla famiglia. E circa un religioso su quattro è giovane. Parliamo di una presenza capillare, che copre i cinque continenti e che si rivela quanto mai preziosa nelle terre più povere o in quelle di conflitto, come la martoriata Ucraina. «Siamo attestati sia a Sud, nell’area di rito latino, con cinque presenze, collegate all’ispettoria della Polonia, sia a Nord, nella zona di rito greco, a Leopoli e a Kiev». Lì, il 22 dicembre, il giovane salesiano Maksym Ryabukha sarà ordinato Vescovo: una grande responsabilità, ma anche un segno di speranza, in un tempo tremendo. In quest’anno di guerra «abbiamo accolto migliaia di famiglie nelle nostre case, in Polonia e in Slovacchia, ma anche qui in Italia. E i nostri confratelli in Ucraina sono stati molto coraggiosi, arrivando talvolta fin quasi alle linee di fuoco, per portare aiuto e medicine. Ho visto personalmente le immagini di un pulmino colpito dai proiettili dell’artiglieria. È una realtà durissima, ferita da azioni di brutalità e disumanità davanti alle quali è difficile resistere. Ma è proprio lì che oggi siamo chiamati a testimoniare la speranza». Tra le tante situazioni difficili, c’è anche quella della Cina: la famiglia salesiana è presente con una sua provincia a Hong Kong, a Macao e Taiwan, dove gestisce diverse scuole e centri giovanili. Inoltre alcuni religiosi di don Bosco operano nella Cina continentale, per assistere i più poveri e i malati di lebbra, sempre all’interno di un delicatissimo quanto indispensabile confronto con le autorità locali.

Durante l’incontro c’è spazio anche per temi delicati e scomodi, come quello, tremendo, degli abusi sui minori. «Per noi, che abbiamo promesso a Dio, pubblicamente, di dare la nostra vita per i giovani, un caso di abuso è una ferita terribile e un grandissimo dolore. Vi assicuro che, di fronte a ogni segnalazione o denuncia, prendiamo i provvedimenti più fermi e tempestivi. Bisogna perseguire con ogni mezzo la giustizia. E non è facile: purtroppo vi sono anche realtà che sfruttano la situazione, per trarne profitto, e accusare pubblicamente un innocente significa condannarlo a portare un peso che resterà per sempre. Ma quando emergono delle evidenze, il processo viene svolto col massimo rigore. Inoltre credo molto nella giustizia restaurativa: incontrare le vittime, cercare di capire di che cosa hanno bisogno, qual è la loro richiesta di giustizia». A chi gli chiede un commento sulle teorie del gender e sui pericoli per l’integrità della persona, il Rettor Maggiore risponde: «Partiamo da uno sguardo di misericordia, che accoglie e non condanna. Questo, ovviamente, non significa giustificare tutto, ma partire dalla persona nella sua interezza, con il suo mistero e anche con le sue fragilità».

In un tempo in cui, almeno guardando dalla nostra prospettiva, sembra dilagare tra i più giovani una grande crisi di fede, quello di don Artime è comunque un messaggio di speranza: «Rispetto al tempo di don Bosco, tutto è cambiato, ma, nello stesso tempo, nulla è cambiato». Dunque, anche in una società profondamente trasformata, e molto più secolarizzata di quella di metà Ottocento, «non muta il nostro centro: una fede vissuta nella trasparenza, con declinazioni che, naturalmente, mutano da realtà a realtà. Non dimentichiamo che, in molti Paesi dove operiamo, i cattolici sono un’esigua minoranza e, tra i nostri ragazzi, ci sono musulmani, induisti e persone di tante altre fedi. Quando possibile, però, e sempre con rispetto, proponiamo un annuncio che non è proselitismo, ma libertà. Tanti giovani lo accolgono: posso testimoniarlo per averli incontrati. Forse non fanno rumore, ma ci sono».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo