logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
 

Bersani e il governo "simil Grillo"

24/03/2013  Per attirare i voti dei senatori del Movimento 5 Stelle il premier incaricato deve rinunciare a scelte propriamente politiche. E così il toto-ministri è pieno di candidature "civiche"

Il toto-ministri che gira in queste ultime ore è lo specchio delle difficoltà politiche in cui naviga Pier Luigi Bersani per arrivare alla formazione di un nuovo governo. Un governo, annuncia il presidente incaricato, “sobrio, innovativo, aperto”, non più di quindici ministri (Matteo Renzi - che attende dietro l'angolo di Firenze -  alle primarie ne annunciava addirittura dieci). Insomma, quasi una rappresentanza civica, sul modello della precedente rappresentanza di Mario Monti. Un governo di tecnici che governo di tecnici non lo si può chiamare, visto che a febbraio ci sono state le elezioni. Il motivo di questa soluzione ibrida è molto semplice: il presidente del Consiglio incaricato - che alla Camera ha la maggioranza assoluta -  per far galleggiare il suo governo deve ricorrere ad almeno una quarantina di senatori del Movimento a Cinque Stelle. E i senatori di Grillo, si sa, non gradiscono scelte partitiche. Dunque la politica, nonostante ci siano state regolari consultazioni, non può che fare timidamente capolino. Di conseguenza, a parte il fedelissimo Vasco Errani e forse Enrico Letta, i nomi del toto-ministri vengono tutti “dalla società civile”. Proprio per convincere Grillo e Casaleggio o almeno una parte dei loro senatori. Nomi nuovi ma conosciuti, dell'area del Centrosinistra senza essere di Centrosinistra. Una sorta di sinistra indipendente da Prima Repubblica al passo coi tempi, geneticamente modificata. Questa è la pazientissima strategia politica inedita di Bersani, che prevede - paradossalmente -  proprio la rinuncia alla politica. Qualcuno la chiama "metodo Boldrini-Grasso", dalla strategia con cui sono stati eletti i presidenti della Camera e del Senato (vale a dire con il voto di un folto gruppo di parlamentari di M5S). 


Ed ecco così che della lista fanno parte l’economista Lucrezia Reichlin o Pier Carlo Padoan, capo dell'Ufficio studi dell’Ocse, per il ministero dell’Economia. Al Viminale Bersani vedrebbe volentieri la conferma della Cancellieri, mentre alla Giustizia si è fatto il nome di Roberto Saviano. Tra i tecnici fino a ieri brillava la stella di Fabrizio Saccomanni, direttore generale di Bankitalia (“gradito alle cancellerie e agli ambienti finanziari europei”), ma l'ipotesi sembra sfumata. Vi è poi un nutrito drappello di costituzionalisti: Valerio Onida, Gustavo Zagrebelsky, Stefano Rodotà. Si pensa a Miguel Gotor e Salvatore Settis all’Istruzione. E naturalmente anche per le quote rosa si ricorre a nomi della società civile: Maria Chiara Carrozza, Alessia Mosca, la filosofa Michela Marzano alle Pari Opportunità. Per dar sapore a questo governo si fa il nome del fondatore di Eataly Oscar Farinetti e del patron di Slow Food Carlin Petrini all'Agricoltura o all'Ambiente. Sempre nella stessa ottica ecco affacciarsi la regina delle inchieste Milena Gabanelli. Solo  per gli Esteri il favorito è Mario Monti, seguendo il copione della Prima Repubblica che riservava ad alte personalità politiche, di solito ex premier, il vertice della diplomazia. 


Qualcuno fa anche il nome del fondatore del Censis Giuseppe De Rita, 80 anni, che ha al suo attivo una lunga lista di no: no alla candidatura di sindaco di Roma, no ad incarichi di ministri ed assessori, no a candidature in Parlamento ed Europarlamento. Bersani procede sulla stretta via, sapendo che questo governo – se nascerà - sarà tutto un entrare e un uscire dall’aula – a seconda delle leggi da votare – da parte dei deputati di Grillo e Casaleggio. Non una grande prospettiva dal punto di vista della stabilità, ma pur sempre una prospettiva di governo.

I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo