Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 luglio 2024
 
 

Cartoni animati in corsia

17/10/2013  Un progetto inedito, quasi unico nel suo genere, sarà fonte di divertimento per i piccoli pazienti dell'Ospedale dei bambini di Brescia

La degenza in ospedale, lo sappiamo tutti, è una fatica. Ancor di più se i pazienti sono bambini, chiamati a trascorrere ore nella noia assoluta, in attesa di un controllo del dottore, di una misurazione dell'infermiera, di una visita di parenti e amici, della somministrazione di una medicina. Noia che all'Ospedale dei bambini di Brescia, dopo la felice sperimentazione dello scorso anno, viene interrotta anche nel 2013 (fino a febbraio 2014) grazie ai "Cartoni animati in corsia", un progetto promosso da Avisco per allestire mini set cinematografici tra un reparto e l'altro dove i bambini avranno l'opportunità di dare forma al cartone animato che hanno sempre sognato. 

Si tratta di un vero e proprio laboratorio di cinema che coinvolgerà i pazienti di oncoematologia pediatrica, neuropsichiatria infantile e dell'adolescenza, chirurgia pediatrica, pediatria e ortopedia-traumatologia: un'occasione di divertimento, senza dubbio, ma anche un modo per fare del cinema uno strumento inedito di elaborazione e riqualificazione del vissuto della malattia da parte del bambino. «Prima di essere pazienti - si legge in una nota del progetto - i bambini sono bambini e gli adolescenti sono adolescenti, non molto diversi dai loro coetanei che stanno fuori dalle mura dell'ospedale: hanno gli stessi bisogni e gli stessi diritti, ma la loro condizione di fragilità e le cure necessarie per migliorarla, ne limitano le scelte e la libertà nel disporre di tempi, spazi e attività».

Un piccolo gioiello, dunque, studiato appositamente per facilitare gli spostamenti da un reparto all'altro e adattarsi al meglio alle esigenze dell'ambiente: la Casetta dei cartoni si presenta infatti come un set di ripresa in miniatura, dotato di luci, webcam e computer portatile. 

Attualmente è in corso la ricerca fondi per rendere permanente il progetto Cartoni animati in corsia e dunque ripartire con i laboratori nel marzo 2014, senza soluzione di continuità, con una programmazione annuale. Tutte le informazioni sul progetto sono presenti sul sito avisco.org e sulla pagina facebook dell'associazione. E' inoltre attivo il blog cartonianimatiincorsia.org che permetterà di seguire, passo dopo passo, l'andamento del progetto.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo