Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
Chiedilo a Credere
 
Credere

La solidarietà spaventa il virus

26/03/2020  C’è un messaggio inequivocabile da ascoltare: o ci salviamo insieme o non si salva nessuno! La riflessione del teologo Gaetano Piccolo

Sabato santo, il giorno che precede la Pasqua, è un giorno di silenzio e di attesa. Sembra che tutto si fermi, persino il respiro della terra. Nelle ore buie dell’umanità, come quella che stiamo vivendo in questo momento a causa dell’epidemia da Covid-19, ritorniamo a percepire la tenebra che avvolge il mondo. Ma, a differenza della notte di Pasqua, questa volta non siamo sicuri che il fuoco tornerà ad accendersi o almeno non sappiamo fino a quando resterà spento. E come nel Sabato santo che precede la risurrezione di Cristo, così anche in questo tempo oscuro che stiamo attraversando, ognuno viene fuori per quello che è e lo vive a modo suo. Il lungo sabato santo che stiamo vivendo nel 2020 ci ha portato un messaggio inequivocabile: o ci salviamo insieme o non si salva nessuno! È come se il vero antidoto a questo virus fosse la solidarietà: ciascuno è chiamato ad autoisolarsi affinché il male possa morire. Al contrario, quello che fa vivere il virus è l’egoismo: se ciascuno pensa a se stesso, al proprio interesse, al proprio piacere, se ciascuno mette il proprio punto di vista al di sopra dell’interesse di tutti, il virus si diffonde, diventa sempre più forte e alla fine mangerà tutti, anche coloro che pensavano di salvarsi da soli! È evidente che chi non ha rinunciato alle serate al bar o in discoteca, chi si è messo in viaggio pensando di approfittare della chiusura delle scuole e degli uffici per tornare dai propri amici, si è fatto complice del virus. L’immagine più triste è la spavalderia di molti giovani, ormai imbevuti, grazie anche all’educazione dei loro genitori, della cultura dell’interesse personale: tanto muoiono i vecchi! Sono quei giovani cresciuti dentro un bagno di fatalismo: non succederà a me! Certo, anche noi europei, guardando alle drammatiche scene di epidemie e sciagure avvenute lontano da noi, abbiamo sempre pensato che non sarebbe mai accaduto nei nostri Paesi. E invece un nemico invisibile ci ha scompigliato l’esistenza. Forse il fuoco non si riaccenderà presto, forse i nostri programmi subiranno ulteriori variazioni, ma possiamo essere certi che Cristo ci aiuterà a risorgere: noi possiamo solo affrettare o allontanare quel momento scegliendo di vivere da persone solidali o da egoisti.

Inviate le vostre domande a lettori.credere@stpauls.it

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo