logo san paolo
lunedì 24 gennaio 2022
 
Venezia
 

Amal e George Clooney, nozze nascoste sotto gli occhi del mondo

27/09/2014  Come si usa tra le star, George Clooney sposa Amal Amaluddin in nozze blindate ma annunciatissime. Matrimonio spettacolo o vero amore? Nella vita reale, intanto...

Amal Alamuddin e George Clooney a Venezia prima del matrimonio (Ansa).
Amal Alamuddin e George Clooney a Venezia prima del matrimonio (Ansa).

Magari qualcuno ci trova anche una logica. Ma in un'epoca in cui si divorzia facilmente, i matrimoni (intesi come evento di un giorno, cerimonia, giorno felice) sono di moda e vanno fortissimo. In Italia, secondo i dati Istat del 2011, 311 separazioni e 182 divorzi opgni mille matrimoni ma proliferano le trasmissioni Tv su come prepararsi all'appuntamento e il wedding planner (organizzatore di nozze) è diventato un mestiere anche da noi, dopo essere diventato una professione negli Usa. E a proposito di Usa: negli ultimi quattro anni, il ciclo divorzio-altro matrimonio ha portato alla nascita di 5,3 milioni di nuove famiglie.

Così, il matrimonio tra il principe Harry e Kate Middleton è stato un evento planetario. E nel suo piccolo, ottimo seguito sta avendo anche il matrimonio tra George Clooney (peraltro alle seconde nozze, dopo quelle con Talia Balsam del 1989, finite nel 1993) e la trentaseienne Amal Alamuddin, inglese, avvocatessa specializzata in diritto internazionale e in questa veste già alle prese con i casi Assange (quello di Wikileaks) e Tymoshenko (l'ex premier dell'Ucraina poi finita in carcere).

Matrimonio blindatissimo, il loro, come appunto si conviene a quelli delle star. Servizio fotografico già garantito in esclusiva a una grande rivista americana (che ricambierà con una donazione alla Fondazione Clooney), officiante d'eccezione (l'ex sindaco di Roma Walter Veltroni, grande amico dell'attore), paparazzi scatenati per rubare anche un solo fotogramma dei due piccioncini: in gondola, a cena, in hotel.

Si dirà: ma questi sono i divi, o addirittura i rampolli delle case regnanti. Nulla a che vedere con la realtà di tutti i giorni. Sarà. Ma anche le schiappe da giardinetto guardano le giocate di Leo Messi. E questi nostri matrimoni così belli da celebrare e così facili da sciogliere, ricordano più Hollywood che la vita vera: in questa è importante usare pazienza e affetto, là invece bastano spesso un po' di lustrini e i soldi. Ferma restando una cosa: George e Amal, auguroni! 

Multimedia
George e Amal, sposi a Venezia
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo