Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 22 giugno 2024
 
Il Teologo
 

Come la Madonna ci aiuta e sostiene nella nostra fede

18/10/2016 

ANDREA C. È lecito chiedere nella preghiera alla Madonna di completare, o di aiutarci a farlo, ciò che manca alla nostra fede, specie quando vacilla?

La richiesta di aiuto è lecita, non perché Maria sia una dea, ma perché ci ha ricevuti in dono come figli e figlie, dato che Gesù stesso non si è vergognato di chiamarci fratelli e sorelle. Egli non lo ha detto per pura formalità. Ha vissuto, è morto, è risorto, ha donato lo Spirito Santo perché questo diventasse realtà. Maria, che a questo progetto si è data e continua a darsi totalmente, non è assente lì dove si lotta per accogliere, mantenere, sviluppare, testimoniare questo meraviglioso dono della Trinità. Maria non è assente lì dove si lotta per vivere di fede; lì dove il Maligno tenta con lusinghe e paure; lì dove più forte e straziante è il gemito di chi soffre per la giustizia. In tutte queste situazioni, Maria condivide la sua ricchezza più grande: la sua fede e l’amore materno che da tale fede è modellato. La Madre del Redentore, però, non prenderà mai il nostro posto, togliendoci le nostre responsabilità. Lei non completerà mai quel che spetta a ciascuno di noi. Non ci dirà: «Scostati, che ci penso io». Ma, pienamente dedita alla persona e all’opera di Gesù, ci ripeterà sempre: «Abbi fede; non vergognarti di Cristo e lui non si vergognerà di te».

I vostri commenti
33

Stai visualizzando  dei 33 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo