Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
PARLIAMONE INSIEME
 
Credere

Crisi climatica, il cambiamento è ancora possibile

30/11/2023  «Papa Francesco va a Dubai per affermare davanti al mondo che si può – e si deve! – lottare per la transizione energetica». L'editoriale di Credere di don Vincenzo Vitale

Cari amici lettori, abbiamo dedicato la copertina a papa Francesco e alla sua presenza al vertice dell’Onu sul clima, la Cop28 di Dubai. Si tratta della prima volta di un Papa a un simile appuntamento, che rischia purtroppo di trascinarsi stancamente e di non prendere decisioni coraggiose («efficienti, vincolanti e monitorabili», secondo Laudate Deum n. 59) di fronte alla “crisi” ecologica e sociale che vive il nostro pianeta. Sul tema abbiamo interpellato la presidente del Movimento Laudato si’, Lorna Gold, e due esperti, Luca Mercalli e Laura Tintori, che ci hanno dato delle letture illuminanti su quanto sta accadendo a livello climatico e ci hanno fatto riflettere sulle potenzialità del viaggio del Pontefice a Dubai l’1-3 dicembre (pagine 16-21).

Mi preme sottolineare, in particolare, un aspetto evidenziato in modi diversi dai nostri tre interlocutori: dentro a una problematica gigantesca, che tocca la politica, l’economia e la società, il Papa porta non solo le ragioni ambientali ma anche le ragioni dei poveri, i più esposti alle gravi conseguenze della crisi ambientale (per alluvioni, siccità e conseguenti migrazioni). In altre parole, egli porta un “supplemento d’anima” e uno sguardo profetico globale, oggi più che mai necessario: una visione etica, svincolata da interessi di parte e preoccupata invece del bene di tutti. Perché – e questo dobbiamo ricordarlo – la crisi climatica ha un enorme impatto sociale in termini di esasperazione delle disuguaglianze, impoverimento, migrazioni ecc.

Oltre alle ragioni appena dette – che rientrano in quelle che Francesco stesso ha spiegato come “motivazioni spirituali” ispirate alla Bibbia e alla tradizione giudeo-cristiana sul creato (Laudate Deum 61-73) –, ci sono anche le ragioni della speranza e della fiducia, che non vengono meno e provano ogni passo possibile, favorendo il coinvolgimento di tutti i protagonisti del “dramma”. «Dire che non bisogna aspettarsi nulla sarebbe autolesionistico», afferma il Pontefice, «perché significherebbe esporre tutta l’umanità, specialmente i più poveri, ai peggiori impatti del cambiamento climatico.

Se abbiamo fiducia nella capacità dell’essere umano di trascendere i suoi piccoli interessi e di pensare in grande, non possiamo rinunciare a sognare che la COP28 porti a una decisa accelerazione della transizione energetica, con impegni efficaci che possano essere monitorati in modo permanente. Questa Conferenza può essere un punto di svolta» (Laudate Deum 53-54). Un sussulto di speranza, che può venire solo da chi ha convinzioni alte, che altrove sembrano latitare. Un sussulto, però, che richiede anche a noi di fare la nostra parte. Francesco riconosce «gli sforzi delle famiglie per inquinare meno, ridurre gli sprechi, consumare in modo oculato», che «stanno creando una nuova cultura» e «un cambiamento diffuso dello stile di vita irresponsabile legato al modello occidentale».

Tali sforzi, per quanto piccoli, potranno avere un impatto significativo a lungo termine (Laudate Deum 71-72). «Facciamo un’opposizione feroce agli sprechi», ci ha detto nell’intervista Luca Mercalli. «A cominciare dai negozi col riscaldamento acceso e le porte spalancate. È un problema di cultura generale: indigniamoci». Certo, magari la speranza è tenue. Ma tocca anche a noi alimentarla “dal basso”, se vogliamo che i grandi della terra la prendano sul serio.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo