logo san paolo
domenica 20 settembre 2020
 
 

Difesa disabili, l'Onu in prima fila

19/05/2011  Con la Colombia, arrivano a cento gli Stati che hanno ratificato il primo trattato sui diritti umani del terzo millennio, facendolo entrare in vigore. Le firme, finora, sono 148.

Gli handicap fisici e mentali segnano le vite di adulti e bambini (foto Thinkstock).
Gli handicap fisici e mentali segnano le vite di adulti e bambini (foto Thinkstock).

La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità ha fatto cento. Lo scorso 10 maggio, con la ratifica della Colombia, sono diventate infatti proprio cento le Nazioni che hanno firmato e ratificato il primo trattato sui diritti umani del nuovo millennio: in cento Stati del mondo, dunque, la Convenzione è effettivamente entrata in vigore. I dati aggiornati riguardanti la Convenzione parlano, oggi, di 148 Stati che hanno firmato il testo della Convenzione (100 dei quali, appunto, hanno proceduto con la ratifica, ovvero hanno inserito le norme nel proprio ordinamento giuridico) e di 90 nazioni che hanno firmato il Protocollo opzionale (ratificato da 61 di queste).
 

Il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon (foto: Epa/Ansa, Vassil  Donev).
Il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon (foto: Epa/Ansa, Vassil Donev).

«Si tratta di un’importante pietra miliare per la Colombia e per l’intera comunità mondiale», ha immediatamente commentato il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon: «La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è un potente strumento per l’inclusione e lo sviluppo, va utilizzato per produrre effettivi miglioramenti nella vita delle persone con disabilità». «Siamo fortemente incoraggiati»,  gli ha fatto eco Sha Zukang, sottosegretario generale del Dipartimento degli affari sociali ed economici, «dalla centesima ratifica della Convenzione: essa rappresenta un grande risultato per la comunità internazionale nel cammino verso una società giusta ed equa, basata sulle pari opportunità per tutti, persone disabili incluse».
 

Un uomo con il braccio destro artficiale (foto Thinkstock).
Un uomo con il braccio destro artficiale (foto Thinkstock).


La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità è il primo trattato sui diritti umani siglato nel ventunesimo secolo. E' stato "aperto alla firma" il 30 marzo 2007 e immediatamente siglato da 82 Paesi
(un record, mai un trattato era stato firmato il primo giorno da così tanti Paesi). Obiettivo della Convenzione è garantire che le persone con disabilità godano degli stessi diritti degli altri individui, e conducano a pieno titolo una vita da cittadini, essendo messi in grado di dare un contributo significativo alla società sulla base della garanzia delle medesime opportunità.

La Convenzione rivendica i diritti alla non discriminazione e all'uguaglianza di fronte alla legge, alla libertà e alla difesa dell'individuo, all'accessibilità, alla mobilità personale, all'indipendenza, alla salute, al lavoro e all'istruzione, alla partecipazione alla vita politica e culturale. Per raggiungere questi scopi, la Convenzione richiede cambiamenti concreti attraverso leggi efficaci e un cambiamento di mentalità: il passaggio cioè da una visione “medica” ad una visione “sociale” della disabilità, vista dunque come il risultato dell’interazione fra una persona e l’ambiente che la circonda. Nel mondo si calcola che il 10 per cento della popolazione, cioè circa 650 milioni di persone, viva dovendo fare i conti con qualche handicap.
 

Un uomo cieco (foto Thinkstock).
Un uomo cieco (foto Thinkstock).

L’Italia è fra gli Stati che hanno firmato immediatamente sia la Convenzione sia il Protocollo opzionale: alla firma del 30 marzo 2007 è poi seguita la ratifica, depositata ufficialmente alle Nazioni Unite il 15 maggio 2009. La gran parte dei Paesi europei è nella stessa situazione, avendo ratificato sia il testo della Convenzione sia il protocollo aggiuntivo, come anche praticamente tutta l’America centrale e l’America latina (dal Messico all’Argentina, con rare eccezioni). Fra le grandi Nazioni, anche l’Australia ha ratificato Convenzione e Protocollo.

Diversa, invece, la situazione negli altri continenti: la Cina (come il Canada e l’India) ha firmato e ratificato la Convenzione ma non il Protocollo, mentre gli Stati Uniti non hanno ancora proceduto ad alcuna ratifica, e sono fermi alla sola firma del testo della Convenzione. Nella stessa situazione si trovano anche Russia e Giappone. A macchia di leopardo, infine, la situazione in Africa: il Sudafrica ha ratificato Convenzione e Protocollo, come anche - fra gli altri - Sudan, Nigeria, Tanzania e Tunisia. Algeria, Etiopia, Kenya e Egitto hanno ratificato la sola Convenzione, mentre Paesi come Ciad, Angola e Repubblica Democratica del Congo non hanno finora neppure firmato il testo della Convenzione.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%