Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 aprile 2024
 
 

Droga e alcol legati al sovrappeso

22/12/2011  La rivista PlosOne rivela che i giovani con problemi di peso rischiano maggiormente d'incorrere in alcol e stupefacenti. Scarsa autostima e relazioni sociali difficili tra i motivi.

Sull’autorevole rivista Plos One è apparsa in questi giorni una ricerca dell'Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ifc-Cnr) di Pisa condotta su più di 33 mila studenti delle scuole superiori italiane, dalla quale emergerebbe che il rischio di fumare e di consumare sostanze stupefacenti ed alcol aumenta per i ragazzi con problemi di sovrappeso. Disturbi alimentari e comportamenti a rischio rimanderebbero, infatti, agli stessi fattori di disagio psicosociale.

L’indagine su ragazzi tra i 15 e i 19 anni riguardo l’uso di cocaina, eroina, stimolanti, allucinogeni e tranquillanti, ha rivelato, dunque, che gli adolescenti in sovrappeso consumano circa il doppio di sostanze illegali rispetto a quelli normopeso.  Anche per il fumo di sigaretta e il cosiddetto “binge drinking” (cinque o più bevute nella stessa occasione) si segnala una preponderanza fra gli adolescenti sovrappeso. «Per le ubriacature abbiamo rilevato una frequenza tra i normopeso del 14% e tra i sovrappeso del 17%. Per i fumatori la percentuale tra i normopeso è del 26.6% mentre tra i sovrappeso del 30.5%», spiega Sabrina Molinaro, ricercatrice dell’Ifc-Cnr e coordinatrice dello studio. Chiedersi come mai questi comportamenti a rischio siano più accentuati in chi non ha una perfetta forma fisica è d’obbligo.

«Un’analisi approfondita mostra che la relazione fra alterazioni del peso e uso di sostanze illegali è fortemente mediata da fattori psicosociali quali l’autostima e le relazioni interpersonali», continua la ricercatrice dell’Ifc-Cnr. «Ad esempio, il 25% dei sovrappeso ha problemi con gli amici contro il 21.5% dei normopeso. Mentre il 78.5% dei normopeso esce regolarmente con i coetanei, tra i sovrappeso la percentuale scende al 74%. Infine, è soddisfatto di sé il 74.5% dei normopeso e il 66 dei sovrappeso».

Un quadro particolare, dunque, che va interpretato nella giusta ottica senza conclusioni affrettate. «Non diciamo che l’eccesso di peso e l’uso di sostanze illecite siano direttamente correlati in una relazione causa-effetto», conclude Molinaro. «Entrambi, piuttosto, sono probabilmente dovuti a sottostanti fattori comuni di tipo sociale e personale, caratterizzati da un forte senso di insoddisfazione. È quindi necessario focalizzare l’attenzione sui fattori coinvolti nello sviluppo dell’obesità in età giovanile che, insieme all’uso di sostanze, possono contribuire al precoce manifestarsi di danni alla salute».

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo