Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 
su tv2000
 

Enzo Bianchi su Tv2000 per parlare dello scandalo della misericordia

29/10/2016  Il priore di Bose dialoga con la giornalista Monica Mondo in un programma in quattro puntate che va in onda a partire da domenica 30 ottobre. Quattro documentari su altrettanti temi del Giubileo

L'amore scandaloso di Dio, Edizioni San Paolo
L'amore scandaloso di Dio, Edizioni San Paolo

In chiusura del Giubileo della Misericordia una nuova occasione per riflettere su questo grande tema della cristianità ce lo offre il priore di Bose, Enzo Bianchi,  che torna in televisione con il programma Lo scandalo della misericordia, quattro puntate su Tv2000 (in onda la domenica alle 19.15 a partire dal 30 ottobre), in cui dialoga con la giornalista Monica Mondo. «Tutto è iniziato dal libro L’amore scandaloso di Dio, edito da San Paolo e uscito la scorsa primavera», ci racconta Monica Mondo. «Dopo averlo letto ho capito che Enzo Bianchi era la persona giusta  per ridare sostanza al concetto di Misericordia, di cui si è fatto un gran parlare  con il rischio di trasformare le parole in vuoti slogan. Ho pensato di cercare dei luoghi  scandalosi, di miseria e disperazione, e realizzare dei documentari che vadano dritti al cuore. Nello studio televisivo vengono proiettati questi documentari e noi, io e Bianchi, vi assistiamo in una sala buia come se fossero film, intervenendo con lunghi commenti. Le parole di Enzo Bianchi sono dense di sapienza ma insieme molto schiette».

La giornalista Monica Mondo.
La giornalista Monica Mondo.

Ogni puntata è dedicata a un luogo che a sua volta è collegato a una sfumatura della misericordia.  Nella prima puntata si affronta il tema della Gratuità. «Siamo andati nel carcere minorile di Airola, Benevento», spiega Monca Mondo, «i ragazzi sono tutti dei piccoli boss, orgogliosi di aver compiuto il male, non hanno nessuna intenzione di pentirsi e una volta fuori continueranno a delinquere. La domanda è: la misericordia è gratis o richiede prima il pentimento?».
Per parlare di Riconciliazione le telecamere hanno filmato la vita quotidiana al Centro profughi di Castelnuovo di Porto, vicino Roma, gestito dalla Caritas.  «Ci sono persone che hanno perso tutto e la domanda in questo caso è: voi che siete stati così feriti siete ancora capaci di misericordia?«
Terza puntata all’Ospizio della Caritas della Stazione Termini per parlare di Mancanza: qui le persone non hanno più nemmeno gli affetti, che speranza ci può essere per loro?  Infine, per riflettere sull’idea di Guadagno, le telecamere hanno raggiunto i ragazzi bene della movida romana, dove  ci sono i privilegiati, quelli che hanno avuto tutto dalla vita «Abbiamo posto domande profonde: che cosa serve per essere felici?» conclude Monica Mondo. «Malgrado le risposte siano in apparenza sciocche e superficiali mi ha colpito il commento tutt’altro che moralista di Enzo Bianchi, che è riuscito a estrapolare dalle loro parole il bene per l’infinito».


I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo