Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
Pedofilia online
 

Pubblicare le foto dei figli sui social? Stupido, perché pericoloso

07/06/2017  La pedofilia on line è in crescita vertiginosa. E fonte involontaria sono i social network in cui i genitori postano le immagini dei figli: finalmente a dirlo è il Garante della Privacy, Antonello Soro. Ma da anni lo predica don Fortunato Di Noto.

Il Garante della Privacy Antonello Soro
Il Garante della Privacy Antonello Soro

 

Primo: la pedopornografia online è in  aumento esponenziale. Secondo: ci mettono del proprio, involontariamente, i genitori che, con leggerezza, postano sui social le immagini dei figli. Stavolta la denuncia non viene dal sociologo di turno o dall’ultimo esperto del web, bensì dal Garante della Privacy,  Antonello Soro, in occasione della presentazione al Parlamento della Relazione annuale, cioè il rapporto ufficiale su crimine informatico e cybersicurezza, ma anche su social media e cyberbullismo nel nostro Paese, nel 2016.

E se lo ha scritto la massima autorità in ambito del corretto trattamento e protezione dei dati personali, c’è da crederci, ma c’è soprattutto da  seguirne il consiglio.  “La pedopornografia  in Rete, e particolarmente nel  dark web sarebbe in crescita vertiginosa: nel 2016 sono state due milioni le immagini censite, quasi il doppio  rispetto all’anno precedente. Fonte involontaria sarebbero i social  network in cui i genitori postano le foto dei figli”, ha affermato il Garante.    

Ammettiamolo: ci cadiamo tutti. Esporre alla vetrina digitale  i figli, postandoli sui social, è pratica diffusissima. Ormai non si perde un momento: le prime foto sono quelle con mamma ancora sul letto del parto: dal buio di una pancia al primo selfie, la distanza è minima. Ma c’è chi già ha postato su Fb anche l’ultima ecografia morfologica. E poi l’album della festa della Prima Comunione e della Cresima. E d’estate non mancano mai le immagini dei bambini in riva al mare, in canotto,  o a bordo piscina. E ancora quelle dei compleanni e quelle col cane o col gatto in giardino. E giù “like” ed entusiastici commenti degli amici allo splendore dell’infanzia. E una specie di “ansia da documentazione” che ci spinge ad immortalare ogni momento significativo della vita dei nostri figli.

Senza capire che quest’abitudine è stupida, perché li espone a rischi. Questa forma di “esibizionismo per interposta persona”, che genera innumerevoli web-immagini, diventa fonte gratuita e disponibile per i tanti perversi del web. Ci chiediamo mai se interessi davvero a qualcun altro vedere “ritratti di famiglia in un interno”  scattati in ogni ora del giorno e della notte? E, cosa ancor più seria, ci chiediamo mai se questi ritratti con minori possano “interessare” alle persone sbagliate?  E’ risaputo: i pedofili online “rubano” quelle foto e le immettono sui portali pedo-soft. Lo va dicendo da 15 anni, in assordante solitudine, don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter onlus: “La pedofilia soft si alimenta con le foto dei bambini. A voi può sembrare innocente la foto di un bimbo al mare con un costumino, e in altri contesti diciamo normali, ma per i pedofili è un invito a rubare l’immagine e diffonderla sui portali dove non vengono diffuse immagini di nudo esplicito o sesso ma di bambini in posizioni o atteggiamenti innocenti". E se non volete credergli, provate a contare il numero dei sequestri d’immagini effettuati dalla Polizia Postale ogni anno.  I social network non sono il diario  o l’album privato a cui si da’ accesso ai soli amici.  E’ vero: su facebook ci sono diversi livelli d’accesso alle informazioni, ma spesso non se ne fa uso.

Così presi dalla smania di mostrare l’ultimo abito della festina, o il dentino appena spuntato in bocca al nostro piccolo, postiamo, orgogliosi, la sua tenera facciona. E facendolo, assomigliamo, tristemente, a quella giovane madre che, mentre portava in passeggino il proprio figlio, incontra l’amica e lusingata dai suoi complimenti sulla bellezza del bimbo esclama addirittura: “Bello vero? Ma dovresti vederlo in fotografia!”.   

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo