Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
Un appello-preghiera
 

Francesco, Bartolomeo e Welby: «Ambiente, cambiamo rotta insieme; ascoltiamo il grido della terra»

07/09/2021  In vista del grande appuntamento sui cambiamenti climatici fissato a Glasgow (Regno Unito) dal primo al 12 novembre 2021, dichiarazione congiunta del Papa, del Patriarca ecumenico e dell'arcivescovo di Canterbury in cui si invita a rivedere la gestione delle risorse secondo criteri di sostenibilità

“Nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro: le nostre azioni si influenzano davvero l’un l’altra, e ciò che facciamo oggi influenza ciò che accade domani”. È quanto si legge nel messaggio firmato – ed è la prima volta – congiuntamente da papa Francesco, dal patriarca ecumenico Bartolomeo e dall’arcivescovo di Canterbury e primate della Chiesa anglicana, Justin Welby, sulla cura del Creato. “Non possiamo sprecare questo momento”, vi si legge: “Dobbiamo decidere che tipo di mondo vogliamo lasciare alle generazioni future. Dobbiamo scegliere di vivere diversamente; dobbiamo scegliere la vita”.

“La natura è resiliente, ma delicata”, il monito: “Il concetto di gestione – la responsabilità individuale e collettiva per la nostra dotazione data da Dio – rappresenta un punto di partenza vitale per la sostenibilità sociale, economica e ambientale”. Per i tre leader religiosi, “abbiamo massimizzato il nostro interesse a spese delle generazioni future”: se, infatti, la tecnologia se da un lato ha aperto nuove possibilità di progresso, dall’altra ha indotto ad “accumulare ricchezza sfrenata” con poca preoccupazione per le altre persone o per i limiti del pianeta. Tuttavia, si legge nel Messaggio, “abbiamo l’opportunità di pentirci, di tornare indietro con decisione”, scegliendo la strada della generosità e dell’equità. Di qui la necessità di una “collaborazione sempre più stretta tra tutte le chiese nel loro impegno per la cura della creazione. Insieme, come comunità, chiese, città e nazioni, dobbiamo cambiare rotta e scoprire nuovi modi di lavorare per abbattere le tradizionali barriere tra i popoli, per smettere di competere per le risorse”.

Scegliere la vita vuol dire anche autocontrollo. Il Pontefice, Bartolomeo I e l'arcivescovo Welby invitano a pregare per i leader mondiali prima della 26.ma Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (COP26) convocata a Glasgow (Regno Unito) dal 1 al 12 novembre, qualunque sia il credo o la visione del mondo, a sforzarsi di ascoltare il grido della terra e dei poveri, esaminando il proprio comportamento e impegnandosi in sacrifici significativi. Ma l'invito è anche a pregare per ciascun individuo - perché lavori insieme agli altri e si assuma la responsabilità - così come per coloro che hanno responsabilità di vasta portata, affinché siano guidati sempre dalla ricerca di profitti incentrati sulle persone e operino una transizione verso economie giuste e sostenibili. 

Multimedia
Francesco: «Prendiamo decisioni coraggiose per salvare la nostra Terra»
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo