logo san paolo
martedì 05 luglio 2022
 
I RICONOSCIMENTI
 

Hèlène e Prisca, la Focsiv premia tenacia e altruismo femminili

26/11/2021  Assegnati i Premio Volontariato Internazionale Focsiv 2021: a Hèlène Augusta Heret, 87 anni, il Premio Volontario internazionale Focsiv; a Prisca Mwaitenele, 46, il Premio Volontario dal Sud. A Gianni Ruffini il Premio postumo"difensore dei diritti umani".

Hèlène Augusta Ehret, 87 anni, presidente e fondatrice dell’associazione Missione Calcutta, nasce in Alsazia e vive in prima persona gli orrori della guerra, la fame, la malattia e la vita in orfanotrofio. Queste esperienze instillano in lei la certezza di volersi impegnare affinché nessuna donna, bambina e bambino vivano in condizioni di abbandono e maltrattamento. Donna brillante, generosa, madre attenta e lavoratrice scrupolosa, si trasferisce a Bergamo per amore del marito. Dal matrimonio nascono Dionilla e Nadia, quest'ultima coinvolta nel lavoro dell’Associazione. Dopo una vita di lavoro, giunta alla pensione, decide di non fermarsi e di dedicarsi agli ultimi. Durante un viaggio in India per incontrare una ragazzina che sosteneva a distanza da anni, vede cosa significhi vivere lì e come sia difficile essere donna: discriminate dalla nascita, private di ogni diritto e considerate merce di scambio per matrimoni vantaggiosi. Memore della sua promessa, decide di intervenire chiedendo consiglio alle Suore Missionarie della Carità. A risponderle sarà Madre Teresa in persona: quella lettera rappresenterà l’inizio di un nuovo percorso. Ancora oggi continua a lavorare affinché donne e bambini indiani, e non solo, possano ricevere istruzione, cibo, e cure mediche, diritti che altrimenti sarebbero loro negati.

 

Prisca Mwaitenele maestra quarantaseienne davvero speciale di Ibo Italia, è punto di riferimento per i bambini con disabilità che frequentano la scuola che gestisce nel Distretto di Iringa Tanzania. A 4 anni si ammala di poliomielite e non riesce più a camminare da sola, il suo fedele bastone la accompagna da quando ne ha 5. Spesso si sente sola e isolata e deve combattere con la madre che le proibisce di andare a scuola. Proprio frequentando la scuola, prende la decisione di diventare maestra e, anni dopo, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, capisce di voler fare di più. Da quel momento sceglie di dedicare la propria vita ad aiutare i bambini con disabilità e le loro famiglie. Prisca è, quindi, una maestra con disabilità che ha frequentato i primi corsi di “Educazione Inclusiva” del progetto “Scuola per tutti” di IBO e ora coinvolta anche nelle attività del Progetto “No One Left Behind”. In entrambi i casi si pone al centro l’educazione dei genitori affinché non ci siano più mamme e papà che pensino di avere dei figli che debbano rimanere solo a casa, ma che al contrario sostengano questi affinché imparino ad accettarsi per quello che sono e li aiutano a scoprire le proprie potenzialità e li stimolino nello studio.

 

 

Sono due donne, esempi di tenacia femminile e dedizione per il prossimo, le vincitrici del Premio Internazionale Volontariato Focsiv 2021. Hélène Augusta Ehret, per l'amore gratuito e incondizionato, dettato dal desiderio di aiutare chi si trova in difficoltà, va il premio Volontario Internazionale Focsiv; candidarla dopo 30 anni di lavoro volontario lontano dai riflettori è un modo di ringraziarla per averci mostrato cosa significhi vivere per gli altri. A Prisca Mwaitenele va il premio Volontario dal Sud

Gianni Ruffini, Direttore di Amnesty Italia, riceve postumo il Premio Difensore dei Diritti Umani.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo