Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
festa della Liberazione
 

«Il 25 aprile non è un giorno di festa a tema libero»

23/04/2019  «E nemmeno un Derby», dice il sindaco di Desio che invita gli italiani a esporre la bandiera tricolore e a non dimenticare l'orrore e la distruzione della guerra.

A pochi giorni dalla data che segna la fine della guerra e la liberazione del dominio nazista dal nostro Paese e la fine della dittatura fascista ecco riaprirsi le assurde e faziose polemiche che ci spingono a dimenticare che è una giornata di festa nazionale e come tale dovrebbe unire e non dividere. Anche perché è legata alla commemorazione di un fatto storico che riguarda tutti gli italiani. Eppure ogni anno sembra necessario ribadirlo. Come ha fatto il sindaco di Desio nel Milanese Roberto Corti: «Il 25 aprile è non un derby ma una festa nazionale».

 E' partito da queste parole scritte su Facebook per chiedere a tutti i cittadini di esporre la bandiera tricolore, anzi «la nostra bandiera tricolore» e partecipare alle celebrazioni ufficiali. Il 25 aprile, ha scritto è una «giornata di festa nazionale istituita con legge dello Stato nel 1949 e che si celebra sin dal 1946». «Non è un derby tra questo e quello, e soprattutto non è un giorno di festa a tema libero. Chi lo dice - ha ammonito -, nega o ignora la storia ma soprattutto offende la memoria di chi ha perso la vita per la libertà, offende le istituzioni, offende il popolo italiano».

«Il vostro sindaco - ha assicurato - come sempre sarà in prima fila come lo saranno tutti i rappresentanti delle istituzioni della Repubblica nate dalla Resistenza, dalla liberazione dall'occupazione nazi-fascista e dall'approvazione in seguito della nostra Costituzione. Il 25 aprile deve essere occasione per ricordare, soprattutto ai giovani e ai meno giovani che rischiano di dimenticare, l'orrore e la distruzione della guerra, della dittatura fascista e dell'occupazione militare nazista.

Multimedia
La Liberazione negli album di famiglia, specchio della memoria
Correlati
Don' Barbareschi: "Io, prigionero a San Vittore"
Correlati
La Liberazione negli album di famiglia, specchio della memoria
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo