logo san paolo
martedì 19 gennaio 2021
 
31 ottobre
 

Il Covid non è l'unica ragione per fare a meno di Halloween

31/10/2020  Quest'anno le misure di protezione vietano espressamente assembramenti e quindi niente party con streghe, film horror, streghette, dolcetti e scherzetti. Non ci siamo persi niente: è una festa che nulla a che fare con la nostra tradizione

Quest’anno, per ovvie ragioni di assembramento e di rischio contagio, niente feste di Halloween, niente visite alle case per chiedere “dolcetto o scherzetto” e soprattutto niente party a base di streghette, film horror, demoni, zombie, fantasmini e via terrorizzando. Ma non ci siamo persi niente, anzi, ci abbiamo guadagnato. Dal male a volte può nascere qualcosa di benefico. L’emergenza Covid, con i suoi vincoli di protezione stringenti, può aiutarci a riscoprire il significato di certe tradizioni cristiane, come Ognissanti. E soprattutto riflettere su una festa, quella di Halloween, che cerca di occultarla e non ha nulla di cristiano e nemmeno di italico.

Personalmente l'ho sempre considerata una festa stupida, trovandomi d'accordo con il governatore della Campania Vincenzo De Luca e la sua ormai celebre definizione di "immensa americanata che abbiamo importato e che è un monumento all'imbecillità".  Ma al di là degli aspetti consumistici, quella delle zucche è una festa che ha origini celtiche, inventata dai druidi, i sacerdoti di una religione ormai trapassata che contemplava persino i sacrifici umani, praticamente il contrario del cristianesimo. Ma non è soltanto una questione culturale. Che senso ha portare i bambini a infarcirsi la serata di film horror e poi inscenare una sorta di “sabbah” in onore di demoni, zucche e zombies? Per dirla con il frate cappuccino Paolo Carlin, coordinatore nazionale e portavoce dell’Associazione internazionale degli esorcisti, (intervistato in un interessantissimo libro di Fabio Marchese Ragona dal titolo Il mio nome è Satana. Storie di esorcismi dal vaticano a Medjugorie, Edizioni San Paolo) «Halloween così come si presenta può sembrare un evento innocuo o commerciale, di fatto è un evento che porta le persone che lo festeggiano a un introduzione a ciò che è l’esoterismo e l’occultismo». Capito?

Non solo. Carlin aggiunge: «Educare i bambini alla morte, alla paura, alle maschere dei vampiri, dei teschi  e degli zombie non è un’educazione alle vita». Ecco perchè chi ha sale in zucca dovrebbe farne volentieri a meno. E magari collaborare a mettere in pratica un'idea di questo frate cappuccino: «Sarebbe bello invece, anziché studiare la festa delle streghe e dei fantasmi, studiare i Santi e fare le maschere dei Santi».

Il mio nome è Satana. Storie di esorcismi dal Vaticano a Medjugorje

Il mio nome è Satana. Storie di esorcismi dal Vaticano a Medjugorje di Fabio Marchese Ragona. Acquista a prezzo scontato Il mio nome è Satana. Storie di esorcismi dal Vaticano a Medjugorje di Fabio Marchese Ragona, San Paolo Edizioni su Sanpaolostore.it

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 78,00 € 57,80 - 26%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%