Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

La "saggia" si dimette, il suo grido va ascoltato

12/07/2013 

Un grido di allarme. Questo sono le parole con cui Lorenza Carlassare ha deciso di lasciare la Commissione dei saggi, un grido  muto, a quanto pare, dato che ha fatto minor notizia dei dissidi interni al Pd e dell’alternanza tra “falchi e colombe” nel Pdl.  Eppure, in poche chiare parole,  Lorenza Carlassare ci dice, tra le righe, una cosa di massima importanza: di questo passo, con questo atteggiamento verso le regole, l’Italia nella sua forma democratico-repubblicana è in pericolo.

Un sasso che dovrebbe alzare uno tsunami nelle nostre coscienze e invece ha increspato appena appena il nostro senso critico annacquato. Non è un caso che, tra le istanze mediate nella Costituente, Carlassare citi non quella socialista, non quella cristiano-democratica, ma quella liberale. Nella manomissione della parola “liberale” che si è compiuta in questi anni (ne parliamo in Che paese è questo?) c’è il pericolo maggiore. Perché  è nello sgretolarsi della fedeltà caparbia alle regole del gioco della tradizione liberale  ­– di cui l'uso corrivo e a sproposito dell’aggettivo liberale ­ è spia – che si annida il pericolo. Il pericolo sotteso che ci si possa svegliare un giorno, presto o tardi senza aver capito per tempo, in un regime dalle regole cambiate, o dimenticate, e dunque diverso dalla repubblica parlamentare, cosa che – al netto delle imperfezioni – l’Italia ancora è dal 1° gennaio 1948.

Democrazia e repubblica non sono un monolite acquisito, scontato e immutabile dentro la storia. Come fiammelle con attorno raffiche di vento, hanno bisogno di mani a far da scudo: le mani dei cittadini, le mani degli intellettuali, chiamati a difenderle dal pericolo che degenerino in qualcosa di meno libero e più diseguale. Pd e Pdl passeranno, sono un dettaglio. Le regole dello Stato nel quale si iscrivono no. Le regole devono restare. Riscriverle è un compito che va maneggiato con cura e senso di responsabilità. La storia ci insegna – gli anni Trenta del secolo scorso sono lì a dimostrarlo – che i tempi di crisi, con i cittadini distratti da urgenze materiali, sono un fattore di rischio: un terreno potenzialmente fertile, nella modifica corriva delle regole, alle derive antidemocratiche.

E’ comprensibile, anche se miope, che chi ha fame sia portato a pensare che sulle regole si possa chiudere un occhio. Gli intellettuali, i giornali, gli esperti del diritto e della Costituzione non possono farlo. Vigilare è il loro dovere. Lorenza Carlassare ha fatto la sua parte: ha segnalato il pericolo. Siamo tutti avvertiti. Nessuno di noi – se mai la storia dovesse trasformare presto o tardi il pericolo in realtà – potrà chiamarsi fuori con la scusa di non aver sentito.  

Multimedia
La manifestazione per il Cavaliere
Correlati
Cavaliere, lei degli evasori fiscali diceva questo: ora sia coerente
Correlati
La manifestazione per il Cavaliere
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo