logo san paolo
lunedì 13 luglio 2020
 
Emergenza epidemia
 

Il ministro che si batte contro ebola

25/09/2014  Il ministro “italiano” Peter Bayuku Conteh ci scrive dalla Sierra Leone. Ecco il suo racconto drammatico dei giorni di ebola. E l’appello ad aiutare il suo Paese a non essere travolto dall’epidemia.

La Sierra Leone dal 19 al 21 settembre si è fermata in un estremo tentativo di circoscrivere e combattere la diffusione del virus, isolando i casi di ebola (ad oggi circa 600 morti identificati): per 3 giorni tutti hanno dovuto rimanere in casa. Tutto è rimasto chiuso.

Circa 30.000 operatori sanitari sono andati di casa in casa, supportati logisticamente per le strade dai soldati, fra i 6 milioni di abitanti della Sierra Leone, per vedere se ci sono malati, che cosa le persone sanno sulla malattia, dare istruzioni su come prevenire il contagio e che cosa fare in caso di necessità.

Ha detto il nostro Presidente Ernest Koroma alla gente: «Alcune delle cose che stiamo chiedendo alla nostra popolazione sono difficili, ma la vita è più importante di queste difficoltà».

In un Paese con 2 dottori ogni 100.000 residenti è stato ed è per noi uno sforzo logistico e organizzativo grandissimo, mentre l'economia è al collasso. Durante questo blocco nazionale a Freetown, la capitale, e anche a Makeni e in altre città già sono stati trovati  alcuni cadaveri morti per ebola abbandonati per le strade o negli edifici scolastici ora inutilizzati.

Intanto tra i morti si conta un 10% di decessi tra medici e infermieri, dei quali il Paese ha ora enorme bisogno. I prezzi sono raddoppiati, chi può scappa dalla Sierra Leone, le scorte di riso cominciano a scarseggiare, molti perdono il lavoro anche  per la cessazione delle attività di investitori e multinazionali, le già scarse entrate dello Stato si erodono ulteriormente (la Sierra Leone si colloca al 180 posto su 187 nell'Indice di sviluppo umano dell’Onu, sebbene stesse facendo considerevoli progressi economici e umani dalla fine della guerra nel 2002).

Le compagnie aeree hanno cancellato 70 voli per Freetown, nonostante i ripetuti appelli dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per non isolare il Paese, dato che così facendo si aumenta la paura tra la popolazione e risulta più difficile far arrivare gli aiuti.

In questo desolante panorama, io ho ricevuto  dal mio Presidente incarico e responsabilità, senza fondi allocati, di monitorare e supervisionare, da agosto, la situazione nella mia regione di Koinadugu, coordinare gli interventi degli operatori sanitari negli 11 Comuni e nei villaggi, fare in modo che alcune persone spaventate escano dalla foresta. Insomma, sostenere e istruire nella prevenzione e nel soccorso la popolazione.

«A me si rivolgono poi anche i più deboli, perché per tutti costoro è ancora più difficile sopravvivere»

A me si rivolgono poi anche i più deboli, come i ciechi, i lebbrosi, i bambini di strada rimasti orfani, perché per tutti costoro è ancora più difficile sopravvivere in un contesto così problematico, soprattutto per procurarsi il cibo e altre cure.

Con gli aiuti ricevuti dagli amici italiani, come cloro, guanti monouso, termometri, altri dispositivi di protezione e motorini per girare nei villaggi e sensibilizzare la popolazione, e anche con parte del mio stipendio, io cerco di fare il possibile per aiutare la mia gente.

Persino il Consiglio di Sicurezza dell'Onu a New York ha adottato nei giorni scorsi all'unanimità una risoluzione per espandere la risposta globale alla diffusione di ebola in Africa occidentale, invitando tutti gli stati membri a «fornire assistenza urgente, compresi ospedali da campo e personale».

Il Parlamento europeo ha denunciato che la comunità internazionale ha finora sottovalutato gravemente l'epidemia.

Perciò mi permetto di rivolgere ancora, a nome della popolazione della Regione di Koinadugu, che ringrazia insieme a me per tutte le attrezzature sanitarie e gli aiuti già mandati, un appello perché – come ha detto l'inviato delle Nazioni Unite David Nabarro – il divario tra la diffusione della malattia e l'abilità di combatterla è diventato enorme, e l'unica soluzione è che tutto il mondo investa più risorse.

Abbiamo tantissimo bisogno  di medici, infermieri, dispositivi ospedalieri e sanitari, ma anche fondi per l'organizzazione e la logistica all'altezza di questa gravissima emergenza. Sin da ora  ringrazio di cuore chi vorrà aiutare la sofferente popolazione della Sierra Leone e vi chiedo di diffondere questo mio appello a tutti i vostri amici, conoscenti, organizzazioni che ci possano dare una mano.

Per donazioni, potete fare riferimento ai siti delle associazioni “Microcammino” e “Fonte di speranza” di Milano, e “Occhi della speranza” di Castiglion Fiorentino.
www.microcammino-onlus.it, www.occhidellasperanza.it, www.fontedisperanza.org

Un abbraccio

Peter Bayuku Konteh
(Ministro del governo sierraleonese)

Multimedia
Ebola: le proteste animaliste per l'uccisone di Excalibur
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%