Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 luglio 2024
 
la curiosità
 

Il Papa a sorpresa va in un negozio di dischi a Roma vicino al Pantheon

11/01/2022  Martedì sera Bergoglio è andato a salutare i titolari di "Stereosound", in centro città, che sono suoi amici di vecchia data. La titolare: «Veniva già quand'era cardinale. Emozione immensa. Gli abbiamo regalato un disco di musica classica»

(foto in alto: Copyright, Javier Martinez-Brocal/Rome Reports)

Dopo essere uscito per comprare un paio di scarpe e gli occhiali, papa Francesco sorprende ancora una volta con le sue visite inattese nel centro di Roma.

Intorno alle 19 di martedì è andato in un negozio di dischi vicino al Pantheon, a Roma. I proprietari sono suoi vecchi amici, Jorge Mario Bergoglio era un loro «cliente di vecchia data» prima di diventare pontefice. E aveva promesso loro di tornare a trovarli da Papa: oggi ci è riuscito, emozionando i commercianti dell’esercizio commerciale di via Minerva. La visita è durata in tutto dodici minuti circa, e i negozianti gli hanno regalato un disco di musica classica. Francesco è poi risalito su una Fiat 500 ed è tornato in Vaticano.

A notare il Papa uscire dal negozio «Stereosound» con un 33 giri sotto il braccio è stato il vaticanista spagnolo Javier Martínez-Brocal, direttore dell’agenzia Rome Reports, che ha pubblicato la foto (in alto, ndr) sul suo profilo Twitter.

La titolare di «Stereosoud» ha detto al Corriere della Sera che è stata «un’emozione immensa», una visita a sorpresa di Francesco: «Il Santo Padre è appassionato di musica ed era già nostro cliente, anni fa, quand’era ancora cardinale e passava per Roma. Poi, ovviamente, non lo abbiamo più visto. E adesso ci è venuto a trovare, per salutarci…il disco? È un regalo che gli abbiamo fatto, un disco di musica classica…».

Sui suoi gusti musicali, Francesco ne aveva parlato con il direttore de La Civiltà Cattolica, il gesuita padre Antonio Spadaro: «In musica amo Mozart, ovviamente. Quell’Et Incarnatus est della sua Missa in Do è insuperabile: ti porta a Dio! Amo Mozart eseguito da Clara Haskil. Mozart mi riempie: non posso pensarlo, devo sentirlo. Beethoven mi piace ascoltarlo, ma prometeicamente. E l’interprete più prometeico per me è Furtwängler. E poi le Passioni di Bach. Il brano di Bach che amo tanto è l’Erbarme Dich, il pianto di Pietro della Passione secondo Matteo. Sublime. Poi, a un livello diverso, non intimo allo stesso modo, amo Wagner. Mi piace ascoltarlo, ma non sempre. La Tetralogia dell’Anello eseguita da Furtwängler alla Scala nel ’50 è la cosa per me migliore. Ma anche il Parsifal eseguito nel ’62 da Knappertsbusch».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo