Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
MONDO
 

Congo: l'Arcivescovo di Kinshasa incontra i politici

28/03/2021  Il cardinale Fridolin Ambongo ha incontrato i deputati, i senatori e altri attori socio-politici cattolici della Repubblica democratica africana. L'iniziativa ha avuto una partecipazione molto ampia. Nella sua catechesi, il cardinale ha indicato i punti essenziali per un percorso di fede, a partire dall’affermazione perentoria che la vita politica dei cattolici deve produrre opere di fede, in caso contrario si è davanti all’incoerenza. «La Chiesa e la politica», ha detto, «sono al servizio delle stesse persone e le sfide che la società lancia alla fede hanno un rilievo ancora più compromettente per chi è in politica, per questo serve grande attenzione a non cadere in un relativismo dei valori cristiani, nell'egoismo, nell’interesse personale o regionale o tribale, nella doppiezza di vita».

Può un politico coniugare la sua fede e l’attività politica ad alto livello, a servizio della nazione? È la domanda a cui ha dato risposta il cardinale Fridolin Ambongo, arcivescovo di Kinshasa, che ha incontrato venerdì 26 marzo i deputati, i senatori e altri attori socio-politici cattolici congolesi. Anche se talvolta ci si rivolge alle cosiddette “chiese del risveglio” per il culto e la preghiera, le radici cattoliche nella Repubblica Democratica del Congo sono profonde, per questo la partecipazione a questa iniziativa è stata molto ampia.

Nella sua catechesi, il cardinale ha indicato i punti essenziali per un percorso di fede, a partire dall’affermazione perentoria che la vita politica dei cattolici deve produrre opere di fede, in caso contrario si è davanti all’incoerenza. La Chiesa e la politica, ha detto il cardinal Ambongo, sono al servizio delle stesse persone e le sfide che la società in generale lancia alla fede hanno un rilievo ancora più compromettente per chi è nella politica, per questo serve una grande attenzione a non cadere in un relativismo dei valori cristiani, nell'egoismo, nell’interesse personale o regionale o tribale, nella doppiezza di vita.

L’arcivescovo di Kinshasa ha delineato alcune priorità: promuovere un associazionismo che sensibilizzi ai principi fondamentali del bene, nel rispetto della coscienza cristiana e in conformità ai riferimenti della morale e della tradizione cattolica; coltivare la spiritualità e la formazione permanente, dotandosi degli strumenti adeguati, come il Catechismo della Chiesa Cattolica e il Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa; mettersi in luce come politici attraverso le opere di beneficenza, ma non solo durante la campagna elettorale per ottenere i voti; stabilire infine fraternità e solidarietà tra politici e mettersi in rete con altre organizzazioni cattoliche nel mondo per la condivisione delle esperienze.

«La nostra preoccupazione», sottolineava il cardinal Ambongo,«è quella di offrire alla società e alla politica congolese il contributo della fede cattolica per lo sviluppo integrale dell’uomo. È essenziale la coerenza tra fede e vita concreta, tra Vangelo e cultura».

Concludendo l’incontro, alcuni rappresentanti sono intervenuti manifestando il loro sostegno ai pastori della Chiesa e stigmatizzando coloro che mancano di rispetto a vescovi e sacerdoti. Tra gli intervenuti anche Modeste Bahati Lukwebo, da poche settimane alla guida del Senato, formatosi come economista presso l’Università degli Studi di Milano e in passato a lungo ministro.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo