logo san paolo
venerdì 30 settembre 2022
 
 

In carrozza, si parte: si va nelle ville del Papa

11/09/2015  Dal 12 settembre, ogni sabato, un treno collega la Stazione Vaticana a Castel Gandolfo e Albano. Per la prima volta diventa accessibile il Palazzo Apostolico, residenza estiva dei Pontefici.

Castel Gandolfo. Le fotografie di questo servizio sono di Alessia Giuliani/Cpp
Castel Gandolfo. Le fotografie di questo servizio sono di Alessia Giuliani/Cpp

Una colonna di fumo nero che sale verso il cielo e quasi lambisce il Cupolone, un fischio acuto da treno di una volta, lo sferragliare della locomotiva e dei vagoni, macchinisti col viso annerito dal fumo che sembrano usciti da un vecchio film di Hollywood in bianco e nero. Scene d'altri tempi per la partenza del treno storico con locomotiva a vapore della flotta della Fondazione Fs Italiane. Il treno storico, ha inaugurato il collegamento che, dal 12 settembre, ogni sabato, partirà dalla Stazione Vaticana per raggiungere le stazioni di Castel Gandolfo e Albano Laziale. Una tratta che unisce i  “due Vaticani”, cioè i Musei Vaticani e le Ville Pontificie di Castel Gandolfo, compreso il Palazzo Apostolico, che fino a oggi era riservato solo ai Papi e ai loro ospiti.

Il treno del sabato sarà un moderno convoglio “Minuetto” del gruppo FS Italiane, con aria condizionata. Il viaggio sul treno storico con locomotiva è stato un piccolo privilegio concesso alla stampa e ad alcune autorità come Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani, Osvaldo Gianoli, direttore delle Ville Pontificie, e Michele Mario Elia, amministratore delegato del Gruppo FS italiane. Il treno è trainato da una locomotiva del 1915, le carrozze sono del 1928 (sulle porte dei bagni c'è scritto “ritirata”) e l'elegante carrozza “presidenziale”, realizzata per i Savoia, risale agli anni Trenta. E' il treno che fu usato da papa Giovanni XXIII per il viaggio a Loreto e ad Assisi del 1962. Da allora nessun altro Papa l'ha utilizzato, ma nel 2011 ha trasportato il cardinale Maradiaga e il suo seguito a Orvieto, per il convegno mondiale della Caritas.

Arrivati a Castel Gandolfo i passeggeri potranno così accedere al primo piano del Palazzo Apostolico (il secondo piano resta riservato agli appartamenti pontifici), dove è stato allestito un museo con cimeli, arredi e  paramenti sacri (anche la sedia gestatoria di Pio IX) e la Galleria dei Ritratti dei Pontefici, compreso papa Francesco. Stupendo il panorama dalla terrazza, affacciata sul lago. La vista si estende fino  alla capitale ed è chiaramente visibile anche la cupola di San Pietro. «Questo palazzo», dice Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani, «era la reggia sovrana più inaccessibile del mondo, ancora più del Cremlino e di Buckingham Palace. Renderlo fruibile dal pubblico  rappresenta un grande gesto da parte di un Papa  che ha rinunciato  alla sua residenza estiva per aprirla alla gente. E la gente arriva in treno, il più popolare e democratico fra i mezzi di trasporto».

Per acquistare il  biglietto del treno, che consente anche l'ingresso ai Musei Vaticani e alle Ville Pontificie, si può consultare il sito dei Musei Vaticani www.museivaticani.va

Multimedia
Giovanni XXIII a Loreto, la prima volta di un Papa fuori dal Vaticano dal 1870
Correlati
Giovanni XXIII a Loreto, la prima volta di un Papa fuori dal Vaticano dal 1870
Correlati
Dal Vaticano a Castel Gandolfo a bordo di un treno a vapore
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo