Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
dossier
 

Crescono i cattolici, diminuiscono i sacerdoti

22/10/2022  La situazione della Chiesa oggi secondo l'annuale Rapporto dell'agenzia Fides per la Giornata missionaria mondiale che si celebra il 23 ottobre. Male Europa, Americhe e Oceania. Bene l'Africa. I missionari italiani nel mondo sono oltre 5.800, i preti fidei donum in servizio sono 288

di Miela Fagiolo D'Attilia

Foto di gruppo dalla missione ad gentes. E’ quello che merge dai dati del rapporto annuale dell’agenzia Fides pubblicato oggi, in vista della 96esima Giornata Missionaria Mondiale che si celebra domenica prossima 23 ottobre. Tra i primi elementi di rilievo a livello planetario c’è l’aumento dei cattolici (sulla base dall’ultimo Annuario statistico della Chiesa aggiornato al 31 dicembre 2020) è che il numero dei cattolici è di 1.359.612.000 persone con un aumento complessivo di 15.209.000 unità rispetto al 2019. L’incremento interessa quattro continenti, tranne l’Oceania. Sono invece diminuiti i sacerdoti nel mondo, scendendo a quota 410.219 (con la diminuzione di 4.117 persone).

A segnare una diminuzione consistente ancora una volta è innanzitutto l’Europa a cui si aggiungono l’America e l’Oceania. In controtendenza Asia e Africa in cui le vocazioni danno frutti più abbondanti. I religiosi non sacerdoti sono aumentati di 274 unità, arrivando al numero di 50.569. Sommando i dati a livello dei vari continenti, si registrano diminuzioni in America e in Oceania, mentre i numeri crescono in Europa, Asia e in Africa. Anche per quanto riguarda le religiose si conferma la tendenza degli ultimi anni alla diminuzione globale e oggi sono 619.546, con un calo di 10.554 unità.

In discesa anche il numero dei seminaristi maggiori, diocesani e religiosi (meno 2.203 unità) che sono 111.855. Gli aumenti si registrano solamente in Africa, mentre diminuiscono negli altri continenti. Anche il numero totale dei seminaristi minori, diocesani e religiosi, è diminuito di 1.592 unità, toccando quota 95.398. Sono diminuiti in America, Asia ed Europa, mentre si registrano aumenti in Africa e in Oceania.

Sempre forte e qualificata è la presenza religiosa nel campo dell’istruzione e dell’educazione: la Chiesa gestisce nel mondo 72.785 scuole materne frequentate da 7.510.632 alunni; 99.668 scuole primarie per 34.614.488 alunni; 49.437 istituti secondari per 19.252.704 alunni, mentre le scuole cattoliche sono frequentate da 2.403.787 alunni nelle superiori e nelle università sono iscritti 3.771.946 studenti. L’assistenza sanitaria è un altro campo d’eccellenza con 5.322 ospedali in tutto il mondo, 14.415 dispensari, 534 lebbrosari, 15.204 case per anziani, malati cronici ed handicappati, 9.230 orfanotrofi, 10.441 giardini d’infanzia, 10.362 consultori matrimoniali, 3.137 centri di educazione o rieducazione sociale e 34.291 istituzioni di altro tipo.

Per quanto riguarda l’Italia, i nostri missionari nel mondo sono oggi oltre 5.800, mentre i presbiteri fidei donum in servizio (secondo i dati forniti dall’Ufficio Nazionale di cooperazione tra le Chiese -Cei) sono 288, di cui 88 in Africa, 12 in Asia, 15 in Europa, uno in Oceania, 172 in America.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo