Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
 

Londra, è l'ora degli arresti

10/08/2011  Oltre 770 fermi soltanto nella capitale inglese, circa 1.200 in tutto il Paese. E la violenza esplode in altre città. Tribunali pronti a giudicare le persone arrestate.

I 16 mila poliziotti schierati da David Cameron per le strade della città hanno funzionato da deterrente: quella appena trascorsa è stata la prima notte tranquilla a Londra dopo i duri scontri dei giorni scorsi, con centinaia di feriti e un morto. Ma la violenza è esplosa in altre città: a Manchester e Birmingham, dove hooligan e teppisti hanno distrutto vetrine e svaligiato negozi, e poi ancora a Nottingham e a Liverpool, dove alcuni ragazzi hanno lanciato mattoni e bombe incendiarie contro un commissariato locale.



Intanto, si sono dati una sorta di "coprifuoco" i ragazzi italiani che per motivi di studio in questi giorni si trovano a Londra. La guerriglia che si è scatenata da quattro giorni nella metropoli inglese non li spaventa, perchè i luoghi in cui risiedono non sono coinvolti dagli scontri, ma allo stesso tempo non vogliono rischiare. «Se vogliamo uscire la sera possiamo farlo», ha raccontato a un giornalista dell'Ansa Luigi, 23 anni, romano, «ma dallo studentato ci consigliano di non tornare dopo le 21.30».
«Ieri ero in un pub a Notting Hill e non ho fatto in tempo a ordinare, verso le 21.30, che il locale è stato chiuso per motivi di sicurezza», aggiunge Rosalba, 27 anni di Napoli, che a Londra sta facendo un dottorato di ricerca. «All'università ci vado a piedi e senza problemi, ma la sera tardi è meglio non uscire». Negli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco la capitale inglese è morto un ragazzo di 26 anni. Il giovane era stato trovato sanguinante nell'auto intorno alle 21.15 di ieri, durante la rivolta a Croydon.

Il Consolato Generale d'Italia a Londra, su istruzione dell'Unità di Crisi della Farnesina, ha istituito un numero di prima emergenza attivo 24 ore su 24 per far fronte a situazioni di grave difficoltà che dovessero vedere coinvolti connazionali. L'Unità di Crisi ha anche inviato ai connazionali iscritti al sito www.dovesiamonelmondo.it sms di cautela con numeri di prima emergenza e la raccomandazione di evitare accuratamente nuovi eventuali assembramenti; analoghe indicazioni sono state fornite anche attraverso i canali Facebook e Twitter dell'Unità di Crisi. Sul sito www.viaggiaresicuri.it è stato poi predisposto uno specifico focus di approfondimento, mentre viene aggiornato in tempo reale l'avviso relativo al Regno Unito.

 

I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo