Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
Il Teologo
 

Ma Dio ha davvero "voluto" la morte dei proprio Figlio?

05/05/2020 

ALBINO B. - Ho difficoltà ad accettare la formulazione di alcune preghiere liturgiche che sembrano attribuire a Dio la positiva volontà di infliggere il supplizio della croce al proprio Figlio come riscatto per il peccato dell’uomo.

La domanda ci fa immergere nell’insondabile mistero dell’incontro tra la volontà di Dio e la libertà dell’uomo. Mistero di un mondo “altro” dove i nostri concetti di tempo e spazio non sono più adeguati. Le preghiere liturgiche riprendono il linguaggio biblico che si fonda sul corretto presupposto che Dio è l’unico principio dal quale tutto dipende. Come il suo disegno si compia comunque nell’intreccio con la nostra libertà resta per noi un mistero. La più antica preghiera eucaristica che si trova nella Tradizione Apostolica di Ippolito (220 circa) e che oggi si trova nel Messale Romano come seconda, recita: «Egli (Gesù) offrendosi liberamente alla sua passione...». Gesù ha portato a compimento il disegno del Padre liberamente. Se la teologia medievale ha interpretato la morte di Gesù soprattutto come “riparazione” per i nostri peccati (soddisfazione vicaria nel linguaggio teologico), Giovanni Paolo II ha precisato che il Verbo si è fatto carne ed è morto in croce per «rivelare l’amore che è più grande del peccato» e sollecitare la nostra conversione (cfr. Redemptor hominis, 9; cfr. anche M. Flick, Croce in Nuovo dizionario di teologia).

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo