logo san paolo
giovedì 18 agosto 2022
 
Colloqui col Padre
 

«Ma gli animali domestici vanno in Paradiso?»

29/03/2018 

Tanti anni fa una lettrice scriveva al vostro teologo dicendo di aver sofferto tanto per la perdita del suo cane e chiedeva cosa diceva la Chiesa sulla sorte degli animali. Nella risposta il teologo affermava che il Padre celeste, per la fiducia e l’amore che gli riserviamo, ci restituirà tutto, anche gli amici animali. Io ho sofferto come una bestia per la perdita di Decimo e solo ora comprendo a fondo quelle parole. L’ho affidato alla misericordia di Dio con la speranza che un giorno il Signore me lo riconsegnerà, secondo la sua imperscrutabile bontà. Ringraziate quel padre teologo per me.

VITTORIO

Caro Vittorio, il teologo di cui parli era padre Luigi Lorenzetti, che da poco è tornato nella casa del Padre. Certamente si rallegrerà anche da lassù per il tuo grazie. Sulla questione della sorte dei nostri amici animali, ecco quanto scriveva: «Sappiamo per fede che anche la creazione sarà trasformata all’avvento definitivo del regno di Dio. Scrive l’apostolo Paolo che “la creazione attende con ansia la manifestazione dei figli di Dio... La creazione stessa sarà un giorno liberata dalla servitù della corruzione... Fino a ora la creazione tutta geme e soffre le doglie del parto” (Romani 8,19.22).

Un bell’incoraggiamento alla speranza è quello di Paolo VI: “Anche gli animali sono creature di Dio, che nella loro muta sofferenza sono un segno dell’impronta universale del peccato e dell’universale attesa della redenzione”. La realtà futura è annuncio di piena armonia e riconciliazione che riguardano non solo l’uomo e la comunità degli uomini, ma anche il regno animale e l’ambiente naturale. Il compito terreno è quello di realizzare qui e ora una qualche anticipazione di quello che sarà in pienezza nell’ultimo giorno».

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo