logo san paolo
sabato 15 maggio 2021
 
 

Palestina: Europa come sempre divisa

23/09/2011  Svezia, Portogallo, Belgio e Spagna sono per un seggio all'Onu; Francia e Italia la preferiscono "osservatore permanente"; l'Inghilterra rimanda a negoziati con Israele.

New York. Herman Van Rompuy, Presidente del Consiglio europeo, interviene durante i lavori dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (foto Ansa).
New York. Herman Van Rompuy, Presidente del Consiglio europeo, interviene durante i lavori dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (foto Ansa).

New York

Tra le conseguenze e gli strascichi che lascerà la questione Israelo-palestinese in questi giorni oggetto della sessantaseiesima Assemblea generale dell'Onu, vi sarà anche quella dell’ennesima dimostrazione di scarsa credibilità politica della Unione Europea. L’intervento in plenaria del Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, che ha giustamente sottolineato come fosse il primo intervento alle Nazioni Unite di un “Presidente a tempo pieno” della Ue, ha tentato con scarsi risultati di mascherare la cruda verità sulla vicenda del riconoscimento dello Stato palestinese: l’Europa a fronte di una decisione importante di politica internazionale ancora una volta si presenta disunita.

New York. Il Presidente della Repubblica francese, Nicolas Sarkozy, durante il suo intervento all'Onu,
New York. Il Presidente della Repubblica francese, Nicolas Sarkozy, durante il suo intervento all'Onu,

L’evidenza è stata messa in risalto dagli interventi che prima di lui i Capi di Stato e di Governo membri dell’Unione hanno pronunciato di fronte all’Assemblea Onu. A parte infatti, l’unica convinzione condivisa circa la necessità di trovare una via di uscita dallo stallo negoziale che caratterizza le relazioni tra Tel Aviv e Gerusalemme e dall’impaludamento della comunità internazionale in attesa di una qualche proposta da parte del “Quartetto” – i quattro leader di Onu, Usa, Ue e Russia incaricati di mediare il conflitto in essere ed individuare la soluzione percorribile – gli Stati membri della Ue si sono schierati in favore di ipotesi diverse e metodi opposti da seguire. A fronte del riconoscimento richiesto da Abu Mazen per uno Stato autonomo palestinese, sono tre le soluzioni sottoposte alla valutazione della comunità internazionale e sulle quali nelle prossime ore l’Assemblea generale dovrà pronunciarsi. La prima di esse è conosciuta come la  “Vatican option”, ovvero la possibilità di concedere  alla Palestina uno status di “Osservatore permanente” come optato per la Santa Sede, che consentirebbe all’Autorità palestinese di partecipare alle decisioni delle agenzie Onu e soprattutto di poter ricorrere alla Corte Internazionale dell’Aja per denunciare crimini e soprusi perpetrati da un lato da Israele e dall’altro da Hezbollah. Per questa ipotesi si sono chiaramente schierati tra gli altri, la Francia e l’Italia.

La seconda, corrisponde alla richiesta che i palestinesi hanno inusualmente avanzato all’Assemblea e non all’organo preposto costituito dal Consiglio di sicurezza, per sfruttare la felice coincidenza di due “grandi alleati”, Qatar e Libano, che oggi rivestono rispettivamente la funzione di Presidente dell’Assemblea generale e di quella del Consiglio di sicurezza. Essa consiste nella ferma e risoluta applicazione della Risoluzione Onu del 1967 che prevedeva la costituzione di due Stati sovrani definendone anche i confini territoriali, da allora ripetutamente violati dai coloni israeliani. Governi come Svezia, Portogallo, Belgio e Spagna non fanno mistero della loro predilezione di questa ipotesi, tanto da preannunciare un voto in linea con gli Stati arabi che, ovviamente, appoggiano la richiesta di Abu Mazen.
 

New York, 21 settembre 2011. Il Presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, a colloquio con il Presidente palestinese Mahmud Abbas, meglio conosciuto come Abu Mazen. Foto: Ap.
New York, 21 settembre 2011. Il Presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, a colloquio con il Presidente palestinese Mahmud Abbas, meglio conosciuto come Abu Mazen. Foto: Ap.

Infine, sostenuta dagli Usa e dallo stesso Ban Ki Moon, resta la terza via che prevede il ritorno al tavolo dei negoziati per trovare un “compromesso” tra le richieste di Israele e quelle dei palestinese, senza il quale nessuna decisione in sede Onu sarebbe ammissibile.  A questa ultima ipotesi ha aderito David Cameron, premier inglese, esplicitando la sua posizione con un accorato intervento quest’oggi di fronte all’Assemblea dei 193 Stati membri Onu. Se a tutto ciò vogliamo aggiungere che le Nazioni Unite celebrano anche il decennale della Dichiarazione siglata a Durban nel 2001 per un impegno della comunità internazionale contro il razzismo, la discriminazione e la xenofobia, cerimonia che il Governo italiano ha deciso di disertare proprio in virtù dei riferimenti in essa contenuti ai comportamenti e delle politiche di Israele nei confronti del popolo palestinese, risulta facile immaginare la fatica e l’imbarazzo del Presidente Ue Van Rompuy nel presentarsi a “nome dei 27 Paesi della UE”.

Il peso economico della Unione europea, che registra un Pil complessivo di soli 15 punti percentuali inferiore a quello USA, continua ad essere sminuito dalla sua reiterata assenza politica. Le conseguenze di una simile debolezza politica, fatto salvi repentini ravvedimenti dei nostri politici, sullo scacchiere internazionale sono evidenziate dalla sua evanescenza nei percorsi decisionali ancora affidati ad altri raggruppamenti o non ancora ricevuti in delega dai propri membri; sul fronte interno,  sebbene più subdole e devastanti, le stiamo iniziando a vedere nell’incapacità di risolvere la crisi economica e, temo, le constateremo in futuro ed in misura maggiore sul piano sociale.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%