logo san paolo
giovedì 19 maggio 2022
 
 

Musica, quei tesori da scoprire

18/11/2012  L'Associazione Festina Lente da 20 anni recupera e studia pezzi del nostro patrimonio musicale, legati a cappelle, oratori, palazzi signorili. Come il fondo della famiglia Altemps.

Sembra incredibile, ma nell’era in cui non c’è più nulla da esplorare sulla faccia della terra interi giacimenti artistici e musicali sono ancora tutti da scoprire. E le pietre preziose che tornano alla luce sono tante e spesso luminosissime. L’Associazione musicale Festina Lente da 20 anni è specializzata nel recupero e nello studio dello sconfinato patrimonio musicale italiano compreso fra Cinquecento e Settecento: lo ritrova, organizza eventi e lo esegue, riportandolo in vita.

Di particolare rilievo per l’Associazione sono le composizioni liturgiche legate alla città di Roma, ai palazzi storici, agli oratori e alle maggiori cappelle musicali, con attenzione per le personalità che ne furono promotrici. Per valorizzare le pagine ritrovate l’occhio dell’Associazione è molto vigile affinché riviva il rituale solenne della Roma seicentesca, capitale, fra le altre, dello “spettacolo” barocco.

La ricerca più recente ha posto l’attenzione sul fondo musicale della famiglia Altemps; un corpus musicale straordinario, destinato al palazzo di piazza Sant'Apollinare. Da domenica 18 novembre a mercoledì 19 dicembre l’ Ensemble “Festina Lente” diretto da Michele Gasbarro, propone per il Roma Festival Barocco “Inedita” – le musiche inedite di Palazzo Altemps.

Saranno ben quattro le prime esecuzioni in epoca moderna, tutte ambientate in luoghi estremamente suggestivi della capitale: dai Responsoria e alla Messa Hor le tue forze adopra a quattro voci e continuo di Felice Anerio (1560 – 1614) che risuoneranno nel Palazzo nel quale sono stati creati, alla Missa Laetentur caeli di Girolamo Bartei nella Chiesa di Sant'Agostino; per concludere con la Messa a 12 voci dello stesso Anerio presso la Basilica di Sant'Apollinare.

In due appuntamenti presso la Chiesa della Madonna della Clemenza e di Sant’Aniceto in Palazzo Altemps, verrà poi riproposta la Celebrazione in rito antico accompagnata dall'esecuzione di motetti, brani strumentali e canto gregoriano. Per un immersione nel passato non nostalgica, ma desiderosa di non disperderne valori, bellezza e significati.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo