Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
Servizio 30 ANNI DI NUOVI ORIZZONTI
 
Credere

Nella malattia mi affido a Dio

06/06/2024  «Non ho paura di morire», assicura Chiara Amirante che recentemente si è dimessa da presidente di Nuovi Orizzonti per problemi di salute. Ma l’opera va avanti: «Continuiamo a testimoniare l’Amore»

Di Igor Traboni

 

Da trent’anni Chiara Amirante spende la sua vita a sanare ferite, materiali e morali, a guarire cuori spezzati e caduti nell’inferno della vita, partendo dai primi drogati e barboni trovati nei sottopassaggi della stazione Termini, a Roma, per arrivare ai vuoti esistenziali di questa epoca e di tanti giovani le cui nuove dipendenze si chiamano anche pornografia e ludopatia. La sua creatura, Nuovi Orizzonti, ha festeggiato trent’anni ma lei qualche mese fa ha rassegnato le dimissioni da presidente di questa opera, ora diffusa in tutto il mondo.

Da tempo, Chiara deve deve fare i conti con problemi di salute che si stanno aggravando. Ma lei a Credere assicura: «Non ho paura di morire perché la fede mi fa credere che ci attende la pienezza della vita del Cielo ed è ciò che la mia anima da sempre desidera. Credo infatti che se al buon ladrone è stato sufficiente dire a Gesù “ricordati di me” per sentirsi rispondere “oggi stesso sarai con me in Paradiso”, la misericordia di Dio è davvero grande e lassù c’è un posticino per tutti.

Quindi più che la fine mi fa paura il dolore incessante, il sentirmi sfinita oltre ogni possibilità». E in questa prova Amirante trova sostegno in Cristo: «Guardando a Lui cerco di fare mie le preghiere che ha pronunciato durante la sua Passione dolorosa: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia, non sia fatta la mia, ma la tua volontà” (Lc 22,42) e “Padre nelle tue mani consegno il mio spirito” (Lc 23,46). Avere anche il sostegno del Papa in questo momento dà una grande forza: è il regalo di una carezza al cuore per me e per tutti».

 

Leggi l’intervista completa a Chiara Amirante sul numero di Credere in distribuzione nelle edicole e nelle librerie religiose da giovedì 6 giugno e nelle parrocchie da domenica 9 giugno. Oppure acquista una copia digitale www.edicolasanpaolo.it/scheda/credere.aspx

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo