logo san paolo
domenica 25 febbraio 2024
 
dossier
 

«Nelle donne afghane rivedo il coraggio di Santa Rita. Donne fuori dalle logiche del loro tempo»

08/03/2023  La priora del monastero di Santa Rita, Suor Maria Rosa Bernardinis, ha deciso di sostenere il progetto di scolarizzazione promosso da Avvenire in collaborazione con Caritas. Un gesto di concreta carità cristiana «incarnata da Santa Rita a sostegno dei diritti negati delle donne afghane, in rappresentanza dei loro diritti in ogni parte del mondo. Dall’Iran, dove si stanno verificando sospetti avvelenamenti delle studentesse, all’Ucraina in guerra, fino alle donne migranti e a tutte quelle vittime di violenza»

«Questo è il modo in cui, a nome di tutti i devoti, voglio esprimere la concreta carità cristiana incarnata da Santa Rita a sostegno dei diritti negati delle donne afghane, in rappresentanza dei loro diritti in ogni parte del mondo: dall’Iran, dove si stanno verificando sospetti avvelenamenti delle studentesse, all’Ucraina in guerra, fino alle donne migranti e a tutte quelle vittime di violenza». Così Suor Maria Rosa Bernardinis, Madre Priora del Monastero agostiniano di Santa Rita da Cascia, commenta la donazione, e quindi il sostegno concreto da parte della sua comunità, al progetto di scolarizzazione in favore delle bambine e delle ragazze afghane, promosso dal quotidiano Avvenire, in collaborazione con la Caritas, all’interno di una campagna per accendere i riflettori sul regime di oppressione che le donne stanno vivendo in quel Paese dopo il ritorno al potere dei talebani, in occasione della Giornata internazionale della donna dell’8 marzo 2023.

«Considero la difesa dei loro diritti una questione di giustizia sociale, per garantire “le condizioni che consentono alle associazioni e agli individui di conseguire ciò a cui hanno diritto secondo la loro natura e la loro vocazione”, come dichiarato nel catechismo della Chiesa Cattolica» ha continuato la Madre Priora. «Inoltre, rivedo in queste donne il coraggio di Santa Rita, che scelse di rinunciare alla vendetta per la morte di suo marito, contrariamente allo spirito dei suoi tempi. O quello di Beata Maria Teresa Fasce, che ha dato voce alle donne, non solo religiose, in un tempo in cui erano abituate a tacere».

Monache in preghiera
Monache in preghiera

Madre Fasce è stata la badessa del monastero di Cascia per 27 anni (1920-1947), diventando la “Madre” per antonomasia e diffondendo il culto di Santa Rita nel mondo, oltre a trasformare il volto del borgo umbro, fino ad allora un paese sconosciuto. Una donna, proveniente da una famiglia borghese ligure, innamorata di Rita e della vita contemplativa, eppure estremamente concreta, determinata e lungimirante, che per tutto il tempo del suo operato, difese con forza i suoi diritti e quelli delle monache, con uomini di varia estrazione. E che il 2 giugno 1946, quando si svolsero le elezioni per l’Assemblea Costituente e referendum istituzionale tra monarchia e repubblica e le donne italiane andarono per la prima volta al voto, dopo 40 anni di clausura, uscì dal monastero per esercitare il suo diritto.

«Il coraggio di Santa Rita non rappresenta altro che la messa in pratica della parola di Dio e così è anche per quello della Beata Fasce» conclude Suor Maria Rosa. «Nella Genesi si legge infatti ‘Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina’. Ciò significa che uomo e donna hanno pari dignità. Senza dimenticare che Maria dice sì ad un Angelo, decidendo di disporre del proprio corpo, senza chiedere il permesso a suo marito, come avveniva all’epoca. Così come le donne vengono scelte da Dio come prime messaggere della Risurrezione. Impariamo, quindi, da Dio la strada del rispetto e della parità. E impegniamoci, concretamente, per la libertà e i diritti delle donne in ogni parte del mondo, a partire dal sostegno al progetto di Avvenire».

E sono sempre le donne che, nel nome della Santa agiscono nella loro quotidianità, le protagoniste del “Riconoscimento Internazionale Santa Rita”, dal 1988 conferito a donne, di ogni età, condizione, nazione e religione, che incarnano i valori ritiani, facendosi guidare dall’amore anche nel dolore. I nomi delle donne premiate nel 2023 verranno resi noti a breve.

Multimedia
L'ultimo ballo per la sposa
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo