Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
L'analisi
 

Parsi: Putin perde se l'Ucraina resiste a lungo

26/02/2022  Crescono le proteste contro la guerra in Russia. Se la guerra non è lampo, dice il politologo, l'opinione pubblica non seguirà più il leader del Cremlino e l'Occidente potrà rafforzare le sue democrazie: che sono la vera posta in gioco

«Putin lo fermeremo se lo colpiremo finanziariamente ed economicamente e se rafforzeremo, e questo purtroppo è inevitabile, anche la nostra capacità militare in ambito Nato. Dobbiamo essere disposti a pagare il prezzo di queste azioni economiche altrimenti sarà a rischio la nostra stessa democrazia»

Vittorio Emanuele Parsi, professore ordinario di Relazioni internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e direttore di Aseri (Alta scuola di economia e relazioni internazionali) spiega che l’operazione di Putin «mira, insieme a Pechino, a rimettere in discussione le conseguenze della fine della guerra fredda ed è un attacco alla democrazia liberale dei Paesi occidentali».

Ma Putin dice che vuol mettersi al tavolo. Anche questo è un bluff?

«Pensare che con Putin potremo rimetterci attorno a un tavolo a parlare, fa il gioco di Putin. Parleremo con lui quando cambierà atteggiamento. Nel frattempo ci proteggeremo. E ricordiamoci che non si tratta con i bugiardi. Bisogna capire i bugiardi cosa vogliono, cosa dicono, quali delle parole che usano sono la cortina fumogena delle vere intenzioni e quali, invece, sono l’annuncio di quello che faranno. Ma sostanzialmente trattare con un bugiardo è inutile. In questo momento a maggior ragione. Putin vuole mettere un governo fantoccio, processare Zelinsky e qualche centinaia di funzionari ucraini per presunti crimini contro l’umanità. Bisogna essere molto duri nelle risposte».

Intanto in Russia si protesta contro la guerra. È un bene?

«Le proteste contro la guerra sono sempre benvenute. È importante che una parte della società russa, nonostante la cappa di piombo in cui vive e la repressione feroce cui è sottoposto chiunque alzi un po’ la voce, trovi il coraggio di manifestare. La consapevolezza che i russi dovrebbero avere è che il loro nemico principale è Putin, non siamo noi. È un punto importante. E poi credo che sia fondamentale riconoscere chi è l’aggredito e chi è l’aggressore. Mi amareggia quando sento riflessioni italiane di un po’ tutti i colori che cercare di spiegare perché Putin doveva farlo. Mi sembra la stessa logica di quando, di fronte a uno stupro, ci spiegano che lo stupratore aveva tanto bisogno di soddisfare la sua libido e si dimentica la vittima e si dice che l’Ucraina aveva la gonna troppo corta, non doveva uscire la sera tardi, doveva essere meno ammiccante. Invece dobbiamo essere molto chiari: qui c’è qualcuno che ha fatto una guerra militare in Europa come non si vedeva dal 1939. C’è un aggressore e c’è un aggredito».

Cosa fare adesso?

«In questo momento la cosa migliore da fare è mostrare fermezza. E poi speriamo che gli ucraini resistano. Gli ucraini sono in grado di offrire una resistenza militare, perché di questo si tratta, all’invasione russa. E più la guerra dura e più Putin è nei guai con la sua opinione pubblica, che si interrogherà sempre di più sul perché sta morendo per occupare l’Ucraina. Non solo, più la guerra dura e più le pavide democrazie occidentali e le borghesie che sono attente più ai soldi che ai principi capiranno che non c’è altra chance che essere fermi e duri nei confronti della Russia».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo