logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
 

Scoprire le nocciole con lo chef

14/09/2011  "Nocciolando in Alta Langa" è il nome della simpatica manifestazione che si svolgerà in Piemonte dal 23 al 25 settembre. E vedrà protagonista il celebre cuoco Massimo Bottura.

La nocciola Piemonte Igp chiamata anche Tonda gentile.
La nocciola Piemonte Igp chiamata anche Tonda gentile.

Tra le panoramiche colline dell'Alta Langa, tra Cravanzana e Cortemilia, si terrà nel weekend dal 23 al 25 settembre “Nocciolando in Alta Langa”, la fiera della nocciola Piemonte Igp.

     Un evento nato per far conoscere e gustare un prodotto che, insieme al tartufo bianco d’Alba e ai grandi vini rossi dell’albese, rappresenta una delle eccellenze gastronomiche di questi luoghi, veri e propri ambasciatori di una regione a grande vocazione enogastronomica e turistica.

    La coltivazione della nocciola è una componente fondamentale dell’economia della zona: la fascia collinare dell’Alta Langa (2.350 ettari, circa un terzo del totale della superficie di coltivazione della nocciola Piemonte IGP), compresa tra i 250 e i 700 metri, è un po’ il cuore storico della nocciola conosciuta come Tonda gentile delle Langhe.

    Si tratta di una produzione limitata: l’intera IGP assicura circa 150 mila quintali, pari ad appena l’8-9% del mercato italiano, molto apprezzata però soprattutto dal settore artigianale per la preparazione di una pasticceria e gelateria di nicchia, di alta qualità.                        

Un sacco di nocciole.
Un sacco di nocciole.

LA NOCCIOLA PIU’ BUONA DEL MONDO

    Un’indagine scientifica realizzata nel 2010 dal Centro Studi Assaggiatori di Brescia, l'unità di ricerca sull’analisi sensoriale più avanzata e completa in Italia, ha infatti confermato le conclusioni di un’altro studio del 2005, decretando il primato, sotto il profilo organolettico, della nocciola della varietà Tonda Gentile, rispetto a quella del Lazio e a quella Turca. Insomma, la nocciola più buona del mondo.

   Il segreto della sua superiorità è stato individuato nella dolcezza e nella persistenza olfattiva, che la rendono, soprattutto nei prodotti dolciari che la utilizzano come materia prima, profumata di fiori, miele e frutta secca.

DOLCI ALLA NOCCIOLA, L’INTERPRETAZIONE DI MASSIMO BOTTURA

     Degustazioni guidate, laboratori sensoriali, visite all’interno di aziende di produzione e convegni: tre giorni per assaporare e scoprire la nocciola più famosa d’Italia, con uno sguardo attento alle sue potenzialità in pasticceria, tema scelto come filo conduttore della manifestazione. Con la partecipazione di un ospite d’eccezione: lo chef  Massimo Bottura,  a cui l’Accademia Internazionale della cucina – su proposta dell’Accademia italiana della cucina - ha attribuito il premio di Miglior Cuoco del Mondo, e che venerdì 23 settembre inaugurerà la fiera.  

Il Castello di Prunello in Alta Langa.
Il Castello di Prunello in Alta Langa.

DEGUSTAZIONI GUIDATE E VISITA AL TERRITORIO

     La manifestazione si aprirà venerdì 23 settembre con il coinvolgimento di esperti che illustreranno le caratteristiche della nocciola Piemonte I.G.P. Per esplorare le immense potenzialità dell’utilizzo di questo frutto in pasticceria, tema centrale dell’edizione, avranno luogo una serie di degustazioni guidate non solo di nocciole ma anche di dolci alla nocciola, accompagnati da pregiati vini locali, vanto assoluto del territorio. 

   Tutti i presenti potranno assaporare le semplici, quanto gustose, nocciole tostate e zuccherate in abbinamento ad un Moscato Passito, il goloso binomio nocciole e cioccolato con un Barolo Chinato e la tradizionale torta di nocciole con zabaione con un Asti e Moscato d’Asti.  

SABATO: NOCCIO-TREKKING

     Sabato 24 settembre a Cortemilia, si terranno poi, a cura dell’Assise Nazionale Città della Nocciola, degustazioni guidate della nocciola italiana a cura dell'esperta Irma Brizi, che attraverso storia, arte, curiosità e ovviamente assaggi, aiuterà tutti i presenti a scoprire questo frutto.

     La fiera sarà anche l’occasione per ammirare lo splendido territorio d’origine e scoprire l’intera filiera della nocciola. Nel pomeriggio, spostandoci  ad Alba, si potrà partecipare a un vero e proprio viaggio alla scoperta del territorio con il Raduno delle 500: percorrendo la strada panoramica dell’Alta Langa, tra dolci colline, crinali scoscesi, valli strette, campi, boschi, pascoli e scorci maestosi, fino ad arrivare a Cravanzana, dove sarà possibile visitare un’azienda di produzione della nocciola e passeggiare per il borgo. Sempre a Cravanzana i più sportivi potranno cimentarsi in un Trekking alla scoperta dei noccioleti. E per terminare la giornata una cena a cura degli chef dell’Alta Langa, nel suggestivo ristorante allestito nella Corte del Castello, a base di piatti alla nocciola.  

DOMENICA: BANCARELLE E I GIANDUJOTTI 

     In una fiera dedicata alla Nocciola e al suo impiego in pasticceria, non poteva mancare un evento dedicato al giandujotto: una rappresentazione folkloristica celebra il felice matrimonio tra nocciola e cioccolato, straordinario incontro di sapori che ha dato vita a un prodotto di singolare unicità, non solo specialità regionale, ma simbolo dell’industria dolciaria italiana nel mercato mondiale.

    All’ingresso del borgo, sarà presente un tostino con tostatura no-stop, per offrire a tutti i presenti un gustoso assaggio di benvenuto nel Borgo della Nocciola. Spettacoli di balli e canti tradizionali del Piemonte, esposizioni di prodotti tipici ed antichi mestieri ambientati nel centro storico faranno da cornice agli eventi in programma, rievocando e valorizzando le tradizioni locali.    

Per informazioni: Ente Fiera della Nocciola e Prodotti Tipici dell’Alta Langa, www.fieradellanocciola.com

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo