Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
l'intervista
 

La regista siriana Soudade Kaadan: "Prima la guerra, ora il sisma. La mia casa è cambiata per sempre"

18/02/2023  La cineasta, che oggi vive a Londra, è lasciato Damasco nel 2012. Ma il suo Paese di origine torna sempre nei suoi film. L'ultimo, "Nezouh-Il buco nel cielo", ambientato durante la guerra civile, è stato girato a Gaziantep, la città turca vicina al confine con Siria, devastata dal terremoto

Gaziantep dopo il sisma (foto Reuters).
Gaziantep dopo il sisma (foto Reuters).

Il suo ultimo film, Nezouh-Il buco nel cielo, arrivato nelle sale cinematografiche italiane a metà gennaio, è ambientato durante la guerra civile in Siria, in una Damasco devastata e quasi deserta, all'interno di un appartamento squarciato da una bomba, nel quale vive una famiglia, una padre, una madre e una figlia adolescente lacerati nella scelta sul loro futuro: restare a casa, nel proprio Paese, o andarsene e accettare di diventare profughi in un'altra terra.  

Soudade Kaadan, regista di origine siriana, nata in Francia da genitori siriani, cresciuta a Damasco dove era tornata con la famiglia da bambina, oggi vive a Londra. Ma la Siria resta sempre scolpita nel suo cuore e ritorna costantemente nella sua cinematografia, nel lungometraggio The day I lost my shadow del 2018, nel cortometraggio Aziza del 2019. Oggi, osserva da lontano, con dolore, la tragedia delle popolazioni siriana e turca messe in ginocchio dal terrermoto. E pensa alla sua terra immensa nostalgia.

Nezouh, che ha vinto il Premio Diritti umani Amnesty International al Medfilm Festival, è stato girato interamente a Gaziantep, la città turca vicina al confine con la Siria che è stata distrurra dal sisma. «Gaziantep e Antiochia erano entrambe cttà bellissime che avevano accolto i profughi siriani in fuga dalla guerra per cominciare una nuiova vita», racconta la regista. «A Gaziantep ho lavorato per il mio filme e la ricordo come una città calda, generosa, con un paesaggio meraviglioso. Ma già si trovava in una condizione di povertà enorme e diffusa, di trascuratezza e abbandono ed era sovrappopolata. Ora non posso nemmeno immaginare cosa sarà successo ai luoghi delle nostre riprese con il sisma: già prima quei posti sembravano devatsati da una guerra, per questo avevamo scelto di girare il film a Gaziantep».

Kaadan ha lasciato la Siria nel 2012, un anno dopo lo scoppio della guerra. «I miei ricordi di Aleppo risalgono a peima del conflitto: una città splendida, una delle più grandi della Siria, con una architettura storica meravigliosa. L'ultima volta che sono stata là ero stata invitata a presentare il mio film Damascus Roof and Tales of Paradise nel 2011 in un club cinemtografico armeno nel quartiere della nuova Aleppo e durante la notte abbiamo camminato per le strade della vecchia Aleppo. Dieci anni di guerra e ora questo terremoto disastroso hanno cambiato in modo radicale Aleppo e molte altre nostre città per sempre. La mia casa non sarà mai più la stessa»

I genitori della regista, il padre medico e la madre insegnante di francese, vivono a Damasco e stanno bene. «Loro sono lontani dalla zona colpita, quella settentrionale, che purtroppo nelle prime ore cruciali dopo il terremoto si è ritrovata da sola, senza aiuti, con le persone che scavavano a mani nude nelle montagne di macerie - con piccole squadre di Caschi bianchi - per cercare i loro familiari». E aggiunge: «Da quando me ne sono andata dalla Siria io non ho più potuto fare ritorno. È sempre difficile e doloroso vivere lontano dai ricordi di casa tua, non poter essere lì, nella tua terra, per poter dare il tuo aiuto».

(Foto di Julien Chavaillaz: la regista siriana Soudade Kaadan)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo