logo san paolo
giovedì 30 giugno 2022
 
tokyo
 

Storica tripletta azzurra alle paralimpiadi: «Vincere è bellissimo»

04/09/2021  Le velociste alla finale dei 100 metri Sabatini (nuovo record del mondo), Caironi e Contrafatto occupano tutto il podio nella gara regina dell’atletica. La dedica alle vittime di guerra in Afghanistan di Monica, caporal maggiore dei bersaglieri che perse la gamba per lo scoppio di una granata di mortaio

Le Paralimpiadi di Tokyo per l'Italia sono giù storia ma la tripletta azzurra nella finale dei 100 metri femminili categoria T63 (atleti che competono con protesi a un arto) le consegnano al mito.  Sul gradino più alto del podio Ambra Sabatini, 19enne originaria di Livorno e residente a Porto Ercole (Grosseto), che con 14''11 ha realizzato il record del mondo. Argento a Martina Caironi, 31enne originaria di Alzano Lombardo (Bergamo) e residente a Bologna (14''46) e bronzo a Monica Graziana Contrafatto, 40enne originaria di Gela (Caltanissetta) e residente a Roma (14''73). L'Italia raggiunge così le 69 medaglie a questi Giochi. "Si è creato un bello spirito, siamo felicissime. L’inno sarà qualcosa di eccezionale. Complimenti ad Ambra per il record del Mondo", ha dichiarato la veterana Caironi.

"Io voglio dedicare la mia medaglia a quell'altro Paese che mi ha tolto qualcosa ma in realtà mi ha dato tanto, l'Afghanistan". Lo ha detto Monica Graziana Contrafatto a Rai Sport dopo il bronzo conquistato nei 100 metri femminili. Nel 2012 era un caporal maggiore dei bersaglieri in missione in Afghanistan. Durante un attacco alla base italiana venne colpita a una gamba dalle schegge di una bomba di mortaio che le provocarono danni anche all'arteria femorale, all'intestino e a una mano. Le venne poi amputata la gamba destra.

"Vincere è bellissimo. Però il podio a tre...era proprio quello che sognavamo". Così a Rai Sport Ambra Sabatini, dopo l'oro conquistato nei 100 metri femminili categoria T63 alle Paralimpiadi di Tokyo. "Cinque anni fa avevamo detto che aspettavamo la terza", ha aggiunto Martina Caironi, argento, riferendosi proprio alla Sabatini. A Rio 2016, infatti, Caironi si era aggiudicata l'oro nei 100 metri e Monica Graziana Contrafatto il bronzo. "Siamo state forti. La prova finale - aggiunto Caironi - è stata la pioggia, non potete capire".
  (Ansa-redazioneFc)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo