logo san paolo
lunedì 13 luglio 2020
 

Decoro e rispetto quando si entra nei luoghi sacri

Caro don Antonio, sono un’abbonata sessantacinquenne, “innamorata” della nostra rivista, che leggo dalla prima all’ultima pagina. In particolare, leggo con attenzione la posta dei lettori e le sue risposte, che condivido quasi sempre. Molte volte ho rinunciato a partecipare ai dibattiti, ma ora le voglio sottoporre una questione che mi procura molto disagio. Vedo sempre più spesso donne (talvolta anche uomini) che frequentano la chiesa senza curarsi dell’abbigliamento. Entrano con abiti discinti, trasparenti e scollacciati. E non sono solo le ragazze a presentarsi così, ma anche persone di una certa età. Quando ero ragazza, ci obbligavano ad andare in chiesa vestiti decorosamente, addirittura con il capo coperto. Ora si è perso il senso del decoro. Solo in alcune basiliche importanti vige il divieto di entrare “svestiti”, perché? Forse solo quelle sono “casa del Signore”? A mio avviso, la colpa è anche dei sacerdoti che lasciano correre tutto. Prima o poi, si verrà in chiesa in costume!
ANNAMARIA

Se è vero che l’abito non fa il monaco, è altrettanto giusto che nei luoghi sacri debba essere di rigore il decoro, sia negli abbigliamenti sia nei comportamenti. La Chiesa è “casa di Dio”, dove ci si reca per pregare; non è un luogo per sfilate di moda per essere ammirati o dove scambiarsi confidenze, dando sfogo a fastidiosissimi brusii, anche durante l’omelia a Messa. Per non dire dell’immancabile presenza del telefonino i cui squilli giungono anche nei momenti più raccolti. La Messa è un momento di festa, ma ogni eccesso va bandito.


01 settembre 2016

Discussione collegata
I vostri commenti
37
scrivi

Stai visualizzando  dei 37 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%