Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 

La Parola di Dio dona una sovrabbondanza di Spirito

Gv 3,31-36 - Santo Stanislao, Vescovo e Martire (11 aprile 2024) - 

Infatti colui che Dio ha mandato proferisce le parole di Dio e dà lo Spirito senza misura”.

Se credessimo davvero a queste parole del Vangelo di oggi non faremmo passare un solo giorno senza metterci in ascolto delle parole di Gesù. Infatti chi frequenta la Parola di Dio ha come frutto l’essere riempito sovrabbondantemente di Spirito. Invece noi preferiamo rimanere colmi dei nostri ragionamenti, delle nostre ansie, delle nostre emozioni, delle nostre contraddizioni, dei nostri rancori, delle nostre convinzioni e proprio per questo avvertiamo un peso sulle nostre spalle che rallenta la vita e ne prosciuga la gioia.

Chi si lascia riempire dalla Parola di Dio si disintossica da tutto ciò che abita nel cuore e lo avvelena, da tutto ciò che abita la nostra mente e la devia, da tutto ciò che abita i nostri affetti e li perverte, da tutto ciò che abita le nostre convinzioni e ci rovinano. In questo senso ogni vera conversione passa sempre attraverso la frequenza della parola di Dio. Dice San Paolo che proprio dall’ascolto della Parola che viene il dono della fede. E chi di noi può dire di avere abbastanza fede da attraversare il mare grande della vita? Non abbiamo noi forse bisogno di vedere aumentata la nostra fede? Riprendiamo con umile fedeltà la frequenza della Parola di Dio, e del Vangelo soprattutto. “Vedremo così una sovrabbondanza di vita mai vista prima. Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. Chi crede nel Figlio ha la vita eterna”.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


10 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo