Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 

“Se vuoi, puoi guarirmi!”: una supplica delicata e umile

Mc 1,40-45 - Giovedì della I settimana del TO (11 gennaio 2024) - 

Avere la lebbra significa avere una malattia che ti costringe a stare lontano dal resto del mondo. È una malattia che non solo ferisce il corpo ma colpisce la parte più significativa dell’essere umano, e cioè la sua capacità relazionale. Quando siamo soli ogni cosa si ingigantisce, diventa insopportabile e disumana. È tutta la disperazione di quest’uomo che nel Vangelo di oggi si mette in ginocchio e supplica Gesù con una preghiera brevissima e struggente: “Se vuoi, puoi guarirmi!”. Colpisce la delicatezza e l’umiltà di questa supplica. Non c’è pretesa né rabbia in quest’uomo. Non cerca da Gesù spiegazioni per il suo dolore, chiede solo se può essere preso a cuore.

“Mosso a compassione, stese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, guarisci!»”. Tutta la vita spirituale è in questa intimità di relazione raccontata nel Vangelo di oggi. Pregare è arrivare fino al punto di poter raccogliere tutta la nostra miseria, il nostro dolore, i nostri sogni, la nostra umanità, i nostri tentativi, i nostri piccoli meriti, le nostre grandi cadute e consegnarle a Gesù chiedendo di prenderle con sé. Sappiamo già la Sua risposta: “Lo voglio, sii guarito”.

La guarigione è quel momento in cui ciò che fino a ieri ci imprigionava non è più causa di solitudine per noi. È poter sperimentare di nuovo libertà su situazioni, cose, aspetti della nostra vita che ci avevano tolto tutto. Questa esperienza è talmente decisiva che nemmeno se Gesù in persona ci domandasse di non dirlo a nessuno, riusciremmo a mantenere il segreto: «Guarda di non dir niente a nessuno (…) Ma quegli, allontanatosi, cominciò a proclamare e a divulgare il fatto”.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


10 gennaio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo