Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 

In Sant’Antonio da Padova vediamo la misura traboccante dell'amore evangelico

Mt 5,20-26 - Sant'Antonio di Padova, dottore della Chiesa, Memoria (13 giugno 2024) - 

“Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli”. Non ci è chiesto di essere brava gente (già sarebbe tanto) ma ci è chiesto di essere santi. La differenza è radicale: per essere onesti basta fare il bene che ci viene richiesto, per essere santi bisogna saper fare anche il bene a cui non siamo obbligati.

La santità è superare i confini dello schema. I santi amano sempre in maniera eccessiva, fuori dagli schemi. Sono per loro natura sovrabbondanti. Oggi festeggiamo Sant’Antonio da Padova, e vediamo in lui proprio la misura traboccante del Vangelo. Avrebbe potuto restarsene in Portogallo nel suo bel Monastero a continuare a studiare e ad accontentarsi della sua già onesta vita, ma sente che vivere il Vangelo è fare di più, è lasciare tutto, è rischiare, è abbandonarsi alle mani di Dio, è lasciarsi condurre dalla Provvidenza.

Vivere il Vangelo è avere passione per la gente, è odiare le ingiustizie, è fare del bene in tutti i modi possibili e immaginabili. Vivere il Vangelo è predicare una parola che non sempre accarezza e consola ma a volte smuove i cuori alla conversione al cambiamento. Antonio da Padova è stato un uomo così, un uomo che ha superato i semplici argini dei comandamenti e in maniera creativa ha fato molto di più. Forse per questo è così amato, e forse per questo continua a sovrabbondare di grazie perché da quando ha preso gusto a esagerare non riesce più a fermarsi.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


12 giugno 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo