Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 

Gesù è la risposta al profondo bisogno di senso e di felicità di ogni persona

Gv 6,30-35 - Martedì della III settimana di Pasqua (16 aprile 2024) - 

«Quale segno dunque tu fai perché vediamo e possiamo crederti? Quale opera compi? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: Diede loro da mangiare un pane dal cielo».

La richiesta che viene fatta a Gesù è quella di portare le prove che ciò che sta dicendo è realmente vero. Ma il segno di cui è portatore Gesù non è un segno come tutti quelli del passato. Egli stesso è il segno, Egli stesso è il pane disceso dal cielo. “Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete»”.

Ovviamente per loro è abbastanza oscuro come questo effettivamente possa accadere ma il messaggio è chiaro: Gesù è concretamente ciò che corrisponde al reale e profondo bisogno di senso e di felicità che ogni uomo e donna si portano dentro. Questa è una verità che molto spesso anche noi dimentichiamo. Egli non è venuto a interpretare le nostre dinamiche interiori, non è venuto a spiegare come mai proviamo il bisogno di questo o di quello, ma è venuto per essere la risposta alla grande domanda che tutti ci portiamo dentro. Se non crediamo a questa concretezza di Cristo allora abbiamo un problema serio nella ricezione della fede cristiana. Infatti se c’è una crisi che sta attraversando la nostra esperienza cristiana è proprio una crisi di concretezza. Abbiamo trasformato la fede in una filosofia di vita, ma Gesù non è una filosofia ma una Persona. Con Lui o senza di Lui tutto cambia.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


15 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo