Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 

Gesù non è il muro del senso di colpa ma è colui che rende accessibile la vita

Gv 10,1-10 - Lunedì della IV settimana di Pasqua (22 aprile 2024) - 

C’è un’immagine suggestiva che Gesù usa nel Vangelo di oggi per parlare di se stesso: «In verità, in verità vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza».

Una porta è il contrario di un muro. Una porta rende possibile il passaggio, collega ciò che è diviso, mette in comunicazione ciò che è separato. Gesù non è il muro del senso di colpa, non è il muro della disperazione, non è il muro dell’incomunicabilità di Dio. Il Suo ruolo è rendere accessibile la vita. In questo senso chi incontra Cristo incontra ciò che spalanca la vita, non ciò che la chiude. Egli è una via d’uscita non una prigione.

Tutti gli altri fingono di condurci alla felicità ma molto spesso intrappolano. Gesù è l’unico che mantiene la parola perché il suo scopo non è trattenere ma far abbondare la vita. Ecco una bella definizione di che cosa sia la fede e la santità: “avere una vita in abbondanza”. I santi sono quelli che hanno vissuto la vita in maniera piena, cento volte tanto. I veri discepoli di Cristo non sono tristi mortificati, ma gioiosi viventi. Non a caso uno dei segni più diffusi della santità è una santa allegria, uno spiccato senso dell’umorismo che rivela non la superficialità ma la profonda vita spirituale. Il male infatti ci fa prendere sul serio in maniera paranoica, lo Spirito invece libera fino al punto di riuscire a sorridere anche di ciò che ci fa piangere.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


21 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo