Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 

Non si può essere gelosi del bene, ma solo felici ovunque esso si manifesti

Gv 16,29-33 - Santa Rita da Cascia, Mem. fac. (22 maggio 2024) - 

“Giovanni gli disse: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava i demòni nel tuo nome e glielo abbiamo vietato, perché non era dei nostri»”. La preoccupazione di Giovanni sembra zelo nei confronti del Signore ma in realtà è una patologia che Gesù cerca di correggere immediatamente: «Non glielo proibite, perché non c'è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me. Chi non è contro di noi è per noi”.

La fede non è un bene da custodire con gelosia, ma da mettere a disposizione di tutti. Dovremmo essere felici che Dio opera anche fuori dai nostri schemi e agisce fuori dal nostro seminato. Ovunque c’è un uomo e una donna che mettono in pratica il Vangelo lì agisce la potenza di Dio e questo non può che renderci felici. Basta guardare la storia di molti santi e accorgersi come Dio ha operato anche fuori dai tradizionali schemi. Come può ad esempio una donna e una madre diventare a un certo punto monaca di clausura e vivere un’esperienza mistica e cristiana talmente tanto straordinaria da lasciare un segno indelebile nella storia della Chiesa? Eppure questa è la storia di Santa Rita, invocata come santa delle cause impossibili forse proprio per quell’impossibilità di cui sembra fatta la sua storia personale. Chi può mettere un limite a Dio? Giovanni? Noi? Ha ragione Gesù, non si può essere gelosi del bene, ma solo felici ovunque esso si manifesti.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


21 maggio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo