Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 

Il Risorto cammina accanto ai discepoli delusi

Lc 24,13-35 - Mercoledì fra l'Ottava di Pasqua (3 aprile 2024) - 

La pedagogia del Risorto la si vede in azione proprio nel racconto che ne fa l’evangelista Luca nella pagina del Vangelo di oggi. È il famoso episodio dei discepoli di Emmaus.

Il Risorto in persona si mette a camminare accanto a questi due discepoli delusi che dopo i fatti della passione e della croce se ne tornano a casa. Anch’essi non riconoscono Gesù e lo scambiano per un qualunque pellegrino straniero che chiede informazioni su ciò di cui stanno parlando: “«Che sono questi discorsi che state facendo fra voi durante il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli disse: «Tu solo sei così forestiero in Gerusalemme da non sapere ciò che vi è accaduto in questi giorni?»”. In realtà non solo egli sa di cosa stanno parlando, ma è egli stesso il protagonista della storia che tentano di raccontare. Pazientemente Gesù li istruisce: “«Sciocchi e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti! Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui”.

Più tardi pensando a quelle parole si sarebbero detti l’un altro: “«Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?». Ma è nella locanda di Emmaus che accade la rivoluzione: “Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista”. Ormai però rincuorati tornano indietro e vanno ad annunciare agli altri di aver incontrato Gesù Risorto.

Senza accorgercene questo brano fa da impalcatura a ogni celebrazione eucaristica. Infatti in una prima parte ascoltiamo la Parola di Dio, poi il presbitero la spiega, e infine tutto si ricapitola sulla tavola dell’altare dove il pane spezzato e il vino versato diventano il corpo e sangue di Cristo. E non a caso ogni celebrazione eucaristica finisce con questo invito “andate in pace”, chiara allusione ad annunciare agli altri alla maniera dei discepoli di Emmaus.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


02 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo