Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 

La gratitudine è il segno più bello del passaggio di Dio nella nostra vita

Luca 13,10-17 - Lunedì della XXX settimana del TO (30 ottobre 2023) - 

Diciotto anni non sono pochi, nella nostra società sono il tempo necessario per essere considerati adulti. Ma i diciotto anni citati nella pagina del Vangelo di oggi sono legati ai diciotto anni di sofferenza di una povera donna: “C'era là una donna che aveva da diciotto anni uno spirito che la teneva inferma; era curva e non poteva drizzarsi in nessun modo”.

Alcune difficoltà che incontriamo nella vita assomigliano a questa malattia: ci imprigionano fino al punto da costringerci a guardare a terra, a perdere l’orizzonte, a non riuscire in nessun modo ad alzare lo sguardo. Non è tanto importante domandarsi cosa ci ha ridotti in quel modo, ma è importante domandarci se si può esserne liberati. Infatti la donna di cui si racconta oggi nel Vangelo è talmente tanto ripiegata sul suo male che non parla, non si rivolge a Gesù chiedendo aiuto, è semplicemente lì con il suo dolore. Ma Gesù la vede, la prende a cuore, fa qualcosa per lei: “Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei libera dalla tua infermità», e le impose le mani. Subito quella si raddrizzò e glorificava Dio”.

Sappiamo che è un miracolo da questo dettaglio importante: questa donna glorifica Dio, cioè è piena di gratitudine. Non perde tempo a colpevolizzare qualcuno per quei diciotto anni passati in quel modo, è proiettata invece a non sprecare ciò che le resta. La gratitudine è il segno più bello del passaggio di Dio nella nostra vita. Ma un simile miracolo non suscita gratitudine in tutti. Il capo della Sinagoga reagisce in maniera contraria: “Ma il capo della sinagoga, sdegnato perché Gesù aveva operato quella guarigione di sabato, rivolgendosi alla folla disse: «Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi curare e non in giorno di sabato»”.

Ecco la grande differenza: Gesù prende a cuore il dolore di questa donna, il capo della Sinagoga lo schema della Legge. Questi sono due modi con cui si può essere credenti, ma sappiamo che solo il primo è quello giusto.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


29 ottobre 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo