Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
I consigli salute di BenEssere Aggiornamenti rss BenEssere / La salute con l'anima a cura di Giuseppe Altamore

Resilienza: come vivere questo passaggio con uno spirito nuovo

«La resilienza è una riorganizzazione. Una trasformazione sostanziale, dunque, che intercetta gli infiniti piani della nostra vita. È un processo che chiede di essere capito, riconosciuto, abitato con il pensiero per svolgersi completamente perché non si tratta di un semplice adattarsi alle nuove circostanze», afferma lo psichiatra Sergio Astori nel suo nuovo libro (Lessico resiliente, San Paolo, 192 pagine, 16 euro). Parole che ci danno sollievo in un passaggio cruciale come l’attuale tra pandemia, guerra, crisi climatica ed economica. Un passaggio in cui potrebbe essere facile perdersi se non esercitiamo fino in fondo la nostra capacità di essere resilienti, una parola sconosciuta fino a pochi anni fa e ora perfino abusata. Sergio Astori utilizza il termine per scavare a fondo nella nostra capacità di adattamento e di evoluzione.

Le azioni resilienti sono una sintesi felice tra intelligenza emotiva, quella cognitiva e sociale. Non dobbiamo avere paura delle crisi, termine greco di origine agricola che significa cernita, separazione tra il grano e la pula. Dunque una condizione positiva. Con il tempo, il termine crisi è diventato invece qualcosa di caotico e negativo. Incominciamo a recuperare il valore delle parole che ci possono aiutare a uscire dal buco nero dello sconforto. Non si può pretendere di risolvere tutto col ragionamento o, a tutto volume, con i sentimenti. In questo percorso sono di supporto le parole buone del Lessico resiliente che possono essere intese come veri e propri strumenti che agevolano la cernita tra il vecchio da superare e il nuovo che dobbiamo abbracciare con coraggio.

Buon anno, cari lettori


15 dicembre 2022

 
Pubblicità
Edicola San Paolo