Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 

VI Domenica di Pasqua (anno A) - 14 maggio 2023

Dare ragione della speranza che è in noi

Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Giovanni 14,15-17

 

La VI domenica di Pasqua precede le solennità dell’Ascensione e della Pentecoste: la Chiesa nascente, fortificata dalla presenza del Risorto e vivificata dalla Vita senza fine che Egli è e dà, si prepara a proseguire “nella gioia” per diffondere nel mondo la lieta notizia dell’Amore che salva, certa che Cristo, suo Sposo, è con lei fino alla fine del mondo (cfr. Matteo 28,20).

La I lettura (Atti 8) ci presenta la missione feconda degli apostoli in Samaria, i cui abitanti erano considerati eretici dal giudaismo ortodosso, e il gran numero di miracoli che avvengono, per mano di Filippo, proprio presso le città dei samaritani: secondo la promessa di Gesù nel discorso del commiato, che abbiamo meditato domenica scorsa, i Dodici, rivestiti dello Spirito del Signore, compiono le stesse opere di Gesù, e anzi vedono con i loro occhi che, attraverso loro, si verificano opere ancora “più grandi” e si realizza il “più giovanneo”, quel “più” che, secondo le narrazioni del quarto Vangelo, Gesù aveva assicurato ai suoi in forza della sua glorificazione, per il fatto che Lui, il Maestro e Signore, è presso il Padre, onnipotente (Giovanni 14). Molti samaritani, ordinariamente ostili e infedeli, accolgono la predicazione sul Cristo e chiedono il Battesimo: scende anche su di loro lo Spirito di Dio, che fa nuove tutte le cose, «e vi fu grande gioia in quella città». Il Salmo 65 (Responsorio) invita a «vedere le opere di Dio»: «per questo esultiamo di gioia». «Sia benedetto Dio: non ha respinto la preghiera e non ha negato la sua misericordia». Il credente porta nel cuore la certezza di un Amore potente, che supera il tempo e vince il mondo: forte di questo Amore, che lo spinge a diffonderne l’annuncio, egli è «pronto sempre», in ogni circostanza, «a rispondere a chiunque gli domandi ragione della speranza che è in lui» (II lettura, 1Pietro 3). La nostra Speranza, «piena di immortalità» (cfr. Sapienza 3,4), si fonda sulla Fede nella Risurrezione ed è infuocata dalla Carità, espressione del Dio che non delude, Amore e Relazione tra Persone: la Carità, la virtù fondativa che «non avrà mai fine» (cfr. 1Corinzi 13,8), ci consente di rivolgerci al mondo, per annunciare Cristo, «con dolcezza e rispetto».


SEMPRE CON NOI

«Caritas Christi urget nos» (cfr. 2Corinzi 5,14). Dall’Amore di Cristo tutto ha origine; se veramente Lo amiamo verrà a noi con pienezza il Paràclito, l’Amore stesso, e osserveremo senza fatica i comandamenti del Signore, che si riconducono all’amore di Dio e del prossimo e aprono alla vera libertà: «Ama e fai quel che vuoi», diceva Agostino. Il Vangelo insiste sulla certezza che il Signore non ci lascia soli e ci promette un Amore senza fine: Egli ci accompagna sulle strade del mondo e ci ha lasciato, «perché rimanga con noi sempre», «lo Spirito della verità, che il mondo non conosce», ma che «è in noi». La circolarità dell’Amore, che è Dio ed è la Vita stessa, è al centro di questo Vangelo: noi viviamo perché Cristo vive. Egli è nel Padre, noi siamo in Lui e Lui è in noi. Se amiamo Lui, siamo amati dal Padre, ed Egli si farà vedere a noi. E chi vede Lui vede il Padre. Il Vangelo non parla al futuro, si riferisce al nostro presente, pieno di Dio. Crediamo questo? Comprendiamo veramente la nostra ricchezza?


11 maggio 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo