Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 

X domenica del Tempo Ordinario (anno B) - 9 giugno 2024

Contro la salvezza nulla può il peccato

 

Attorno a lui era seduta una folla, egli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli!». Marco 3,32-34

 

Le tre liturgie domenicali con cui dopo la Pasqua riprende il ciclo del Tempo ordinario sono sostituite ogni anno dal Proprio della domenica di Pentecoste e delle due successive solennità (Trinità e Corpus Domini), che prolungano la pienezza vissuta. Prima del mercoledì delle Ceneri abbiamo celebrato, quest’anno, la sesta domenica del T.O. e oggi, dopo le tre solennità in corrispondenza delle domeniche 7, 8 e 9 del T.O., e dopo le liturgie feriali delle stesse settimane dell’Anno dispari, celebriamo la decima domenica, dedicata al tema del peccato e della redenzione. L’ordinarietà della vita, che può sembrarci sinonimo di banalità, fatica e sofferenza, è invece la Verità alta di una salvezza pienamente donataci nella Pasqua e ogni giorno offertaci nel memoriale perenne di quel Mistero, l’Eucaristia.

Il quotidiano dell’uomo è illuminato dalla bellezza pensata «in principio», prima del peccato, e mai revocata dal nostro Creatore innamorato: la I lettura (Genesi 3,8-25) è la stessa della solennità dell’Immacolata, in Avvento, al “principio” dell’anno liturgico, memoriale ciclico della Storia della salvezza. L’infedeltà degli uomini, per quanto grande, non rende vana la misericordia di Dio: Lui solo è il Signore dell’universo ed è Amore senza fine! La salvezza potente realizzata nell’Incarnazione, passione, morte e risurrezione di Gesù, unico Mistero, è profetizzata già in Eden nel cosiddetto “protovangelo”, subito dopo il peccato, con la Parola del Padre che conferma l’originario dono della isha (Genesi 2,18-25), madre di una stirpe, nemica del peccato, del male e della morte. Questa “mamma” compare al termine della pericope evangelica di oggi (Marco 3,20-35): è lei, con «i fratelli e le sorelle» di Gesù, che con delicatezza, «stando fuori», lo «manda a chiamare». Come già il Padre in Eden, così Gesù, Parola eterna del Padre, conferma qui come tutti siamo chiamati alla stessa eredità del Figlio, la stessa di Maria: «Chi compie la volontà di Dio è per me fratello, sorella e madre».

La promessa prefigurata nella isha di Genesi 3, accolta da Maria, compiuta in Gesù, attraversa tutta la storia ed è presente in ciascun battezzato, creatura nuova in Cristo: siamo chiamati come Maria, con la sua stessa dolcezza e discrezione, che non si impone, non si inorgoglisce, e proprio per questo diventa manifestazione trasparente della vita vera, a realizzare pienamente in noi la vita stessa di Cristo, che è vita libera dal peccato, eterna, fondata sulla certezza di essere figli amati, testimonianza vivente dell’Amore. Non ci spaventi dunque «il momentaneo peso della nostra tribolazione» (II lettura, 2Corinzi 4): noi «speriamo nel Signore: presso di Lui è il perdono; Egli redime da tutte le colpe» (Salmo 129, Responsorio).

Gesù nel Vangelo assicura che ha vinto il mondo; in nome della sua vittoria, «tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, tutti i peccati e tutte le bestemmie», ad eccezione della «bestemmia contro lo Spirito Santo». Passa per la vita la grande benedizione di Dio: lasciarsi offuscare lo sguardo fino a non riconoscere la bellezza di questa vita, dono e compito incommensurabile, è l’effetto dell’azione di un nemico malvagio e invidioso, che ci vorrebbe perduti con lui. Apriamo ancora le porte a Cristo!


06 giugno 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo